Home Alpinia.net
  Home Aziende
 779 Aziende
 110 Test Materiali
  Notizie e Curiosità
dal Mondo
della Montagna
 Metti tra i Preferiti 
 Segnala ad un amico 
 Scrivici 
 Contatti 

newsletter

 

Test di Filippo Zolezzi

Primus Fornello
Gravity Multi Fuel




primus
Il fornello Primus


Quando si fa trekking o si va in montagna appare evidente che alimentarsi é una delle operazioni fondamentali per la buona riuscita dei propri desideri.

Abbiamo testato per voi lettori di Alpinia una delle leggende che ha contribuito ad alcune tra le maggiori avventure e conquiste degli ultimi 100 anni (abbondanti), è il Fornello PRIMUS Gravity Multi Fuel.

Caratteristiche Tecniche:
Peso: 327grammi
Dimensioni: 10 x 10 x 4 cm (esclusa bottiglia di alimentazione)
Costruzione: Alluminio, lega avional e ottone
Potenza: oltre 3000 W, 10500 BTU/h
Alimentazione: benzina verde, benzina bianca, trielina, petrolio lampante, petroli, kerosene, paraffina
Corredo: Bottiglia alimentazione da 530 ml, attrezzo multiuso, sacchetto custodia in cordura, ugello di ricambio.

primus
Fornello, Pompa di alimentazione e bottiglia pronti per essere collegati


Commento Tecnico:
Utilizzo: Buono, uso abbastanza semplice, praticamente impossibile restare a secco..
Robustezza: Robustissimo, forse indistruttibile il fornello, un poco di attenzione per le guarnizioni e per la pompa.
Efficacia: Ottima sotto ogni punto di vista..
Compatibilitá: Funziona con quasi tutti i tipi di combustibili esistenti al mondo.
Maneggevolezza: Ottima, si posiziona facilmente ovunque.
Difetti: E' un fornello a combustibile liquido, se si usa la benzina occorre molta prudenza, specie in ambienti chiusi.
Qualitá materiali: straordinaria.

Considerazioni
Avere da testare un prodotto della Primus ci ha molto inorgogliti e riempiti di ammirazione, infatti questo fornello da spedizione non é semplicemente un oggetto per scaldare neve, bevande o cibi, ma un vero e proprio brandello di storia delle spedizioni e dell'alpinismo.
primus
Primus 1892


Quando lo abbiamo acceso nel nostro bivacco, mentre il nostro Primus emetteva il suo sommesso sibilo, abbiamo chiuso gli occhi e il nostro cuore é volato sul pack accanto all'eroico Nansen e al grande Amundsen, mentre cercavano di raggiungere il Polo Nord, oppure nella drammatica epopea dei sopravvissuti del dirigibile Italia con Nobile, ancora nella tendina squassata dal vento al colle Sud, la notte prima dell'attacco vincente all'Everest di Hillary e Tenzing, tutti loro hanno udito con gioia lo stesso sibilo e hanno visto in quella fiammella la sopravvivenza o la vittoria...
Primus produce fornelli, i primi a kerosene, dal 1892 e dal 1930 anche a gas liquido, quindi oltre 100 anni di esperienza e di continue migliorie che ora ci permettono di utilizzare un prodotto che possiamo definire perfetto.
primus
Preriscaldamento a benzina


Ma ora riapriamo gli occhi e, mentre la minestra comincia cuocere, parliamo del funzionamento di questo Primus Gravity Multy Fuel. Dal nome Multy Fuel capiamo subito che il nostro fornello é in grado di funzionare con parecchi tipi di carburante, possiamo dire che restare a secco é praticamente impossibile, bisogna proprio dimenticarsi le scorte, perché qualcosa da infilare nella bottiglia di alimentazione la ritroveremo sempre: benzina verde, benzina bianca senza additivi, trielina, kerosene, nafta, paraffina..., certo ogni carburante ha prestazioni e caratteristiche differenti e dalle foto si riesce a capire, infatti lo abbiamo provato a kerosene da riscaldamento e benzina per... smacchiare (o trielina).
Il fornello ha un dispositivo a pompa di pressione che richiede una decina di pompate e poi ci si dimentica di essa, una sorta di iniezione manuale. Fatto questo occorre pre-riscaldare il fornello, accendendolo con un pochino di carburante e aspettando che sia caldo, con il kerosene l'operazione é un pochino piú lunga, oltre un minuto, con la benzina molto veloce, circa 30 secondi e soprattutto una fiamma invisibile molto meno vigorosa del kerosene, come visibile nelle foto.
primus
Preriscaldamento a kerosene


Nel funzionamento con la pentola, a benzina si ha meno fiamma, meno fumo, meno puzza di carburante e la casseruola resta perfettamente pulita, mentre col kerosene diventa ricoperta da una fastidiosa patina nera. Quindi consigliamo assolutamente di usare il kerosene solo in caso di estrema necessitá, ed esclusivamente all'aperto; al chiuso o in tenda vi annerirá tutto ed é pericoloso anche per i polmoni. Il consiglio nostro é dunque per la benzina non addittivata, peró, da utilizzare con molta prudenza o meglio ancora il petrolio lampante o bianco, che non sporca ed é meno impegnativo della benzina.
primus
Bollitura a Kerosene


Oltre cento anni di produzione e di esperienza si vedono sul prodotto attuale, che possiamo definire perfetto: la sua ingegnerizzazione lascia quasi stupiti: peso piuma, ma robustezza enorme, la sua forma ricorda vagamente il LEM, il veicolo usato per sbarcare sulla Luna, con i suoi piedini ripiegabili, robustissimi, i supporti porta pentola sono dentati in modo tale da bloccare la stessa e impedirne lo scivolamento, il tubo di alimentazione si collega alla bottiglia serbatoio con innesti dotati di chiusure ermetiche a pressione, frutto della ricerca aerospaziale, facilmente utilizzabile si dimostra particolarmente parsimonioso nel consumo: con la bottiglia piccola e mezzo litro di petrolio assicura oltre 2 ore di funzionamento e la bollitura di circa 20 litri d'acqua, sono disponibili anche recipienti da 850 e 1350 che aumentano l'autonomia fino a 5 ore di fuoco ininterrotto.
Ci ha stupito la rapiditá con cui il fornello si raffredda dopo lo spegnimento, anche questa é una buona dote, infatti lo si puó riporre in breve tempo dopo l'utilizzo, permettendo una veloce ripartenza dopo aver cucinato.
primus
Bollitura a Benzina bianca


Anche la dotazione di accessori a corredo è completa e comprende una praticissima borsetta in cordura per il trasporto, un iniettore di ricambio per kerosene e paraffina, differente da quello per benzina e petrolio lampante, un attrezzo multiuso, con il quale si puó, effettuare tutta la manutenzione dell'attrezzo, un grande paravento pieghevole e una base riflettente di alluminio che evitano la dispersione del calore (l'effetto nefasto del vento, quasi sempre presente in montagna, sulla fiamma libera è noto) e un completo manuale di istruzioni che tra le svariate lingue comprende anche l'italiano.
Segnaliamo che del Gravity esiste anche una versione a cartucce di gas, che non richiede preriscaldamento, ma che necessita delle bombolette di gas da campeggio che non sono reperibili in ogni regione del mondo e delle quali é vietato il trasporto sugli aerei passeggeri.

Terminiamo il nostro test con un intervento veramente eccezionale: quello del grande alpinista Simone Moro, del quale ci onoriamo di essere amici.
Il Primus lo usa abitualmente nelle sue spedizioni in ambiente estremo, molto spesso oltre gli 8.000 metri, anzi non solo i fornelletti e le stoviglie, ma anche i nuovi dispositivi di illuminazione, dei quali vi parleremo presto.
primus
Simone Moro in tenda mentre usa il suo prezioso Primus


Ma sentiamo cosa dice Simone:
"Da un paio d'anni Primus è diventato compagno delle mie avventure. Una scelta motivata da nessun contratto di sponsorizzazione ma dalla mia esperienza personale in oltre 35 spedizioni dove ho provato quasi tutti i prodotti analoghi a Primus (fornelletti e padellini da campo, lanterne, posate e pile frontali). I due articoli che uso di più sono il fornelletto "Gravity" per la sua stabilità e per la velocità con cui riesce a scaldare e cuocere le pietanze o sciogliere la neve (definito "output"). L'altro articolo è il "micron Stove" perchè di peso inferiore ai 100 grammi e con un sorprendente valore di output. Nelle situazioni più estreme dove ogni grammo viene misurato scelgo sempre questo attrezzo. Recentemente sono stato sorpreso dalla qualità ed intensità luminosa delle nuove pile frontali Primus. Al Shisha Pangma d'inverno, in Pakistan al Baltoro ed in Patagonia al Cerro Torre ho sempre usato le pile "prime lite". I due modelli primelite "A" e "D" sono una combinata eccezionale per ogni situazione. Facili da accendere e spegnere e potenti nell'illuminare. Le preferisco ad altre blasonate pile di aziende concorrenti".
Simone Moro