Narrativa

Cani, camosci, cuculi (e un corvo)

Collana: Oscar Bestsellers

Autore: Mauro Corona

ISBN 978-88-0458-19-9

Euro 12,00

Formato: 14 x 21 cm

Pagine: 276

Editore: Mondadori

 



 

Cani, camosci, cuculi (e un corvo)

Mauro Corona

Mondadori

 

la copertina

È delizioso ascoltare a primavera il canto del cuculo che annuncia il ritorno alla vita, ma se il cuculo facesse sentire il suo richiamo d'inverno? Allora gli uomini dei boschi si sbircerebbero di sottecchi nelle cucine fumose, dove i cani sonnecchiano inquieti, in attesa del peggio. Perché gli animali conoscono meglio dell'uomo il mistero della vita e della morte.

Il lettore non troverà tuttavia in questo libro, che per situazioni e atmosfere è da annoverare tra i più caratteristici di Corona, nessun momento idilliaco, fiabesco, nessun apologo in cui il rapporto tra l'uomo e l'animale risponda alla logica scontata cui ci hanno abituato tante narrazioni esemplari.

La relazione tra l'uomo e le bestie qui è dura, scontrosa, fatta di incomprensioni, quando non di vere e proprie crudeltà. Gli uomini cacciano i camosci e ne mangiano il fegato, sparano ai galli forcelli, maltrattano i cani.

Quando la vita è dura per tutti la spietatezza, la mancanza di indulgenze e di tenerezze sono la norma. Eppure, proprio per questo, gli attimi in cui si manifesta un'amicizia rimasta per anni senza parole e senza espressione o quelli in cui il dolore per la perdita di un cane amico fa conoscere all'uomo la commovente profondità di un intimo legame raggiungono un'intensità sublime. Tanto più straziata quanto più silente.

L'aria che circola in queste pagine di Corona si fa fine, a volte dolce, a volte tagliente, ombre passano tra gli alberi, un semplice sguardo umido, affettuoso, di rimprovero o di riconoscenza, dice più di tante parole.

Racconti di fatti, di gesti e di silenzi, storie tramandate da generazioni che, come sempre in Corona, ritornano circolarmente e di nuovo e per sempre affascinano, tra verità e leggenda.

 

© Filippo Zolezzi