Guide

I 2000 dell'Appennino II edizione

Le vie normali di salita alle vette più alte dell'Appennino

Collana:

Autore: Alberto Osti Guerrazzi

ISBN 978-88-8845-035-3

Euro 20,00

Formato: 15 x 21 cm

Pagine: 318

Editore: Il Lupo

 

  Home Editoria


 
 

I 2000 dell'Appennino II edizione

Le vie normali di salita alle vette più alte dell'Appennino

Alberto Osti Guerrazzi

Il Lupo

 

la copertina

Quando si dice montagne si pensa immediatamente alle Alpi, alla loro maestosa grandezza, alle parete ardite, dimenticandosi che il nostro paese è attraversato quasi interamente in senso longitudinale dalla catena dell'Appennino.

A torto si pensa a questi monti come a semplici rilievi boscosi, poco elevati e non interessanti per gli appassionati di Alpinismo e questo è un pregiudizio completamente errato.

Questo interessante libro cataloga e descrive tutte le vette appenniniche che sorpassano il traguardo dei 2000 metri e sono la bellezza di 108 montagne, disseminate dall'Emilia alla Sicilia.

La prima edizione di questo titolo è stata pubblicata nel 2003, in occasione dell'Anno delle Montagne e andò esaurita già nel 2007, ora viene pubblicata la seconda edizione, che non ha ricevuto una semplice spolverata, ma si tratta di un libro nuovo, che conserva l'impianto di origine, ma si presenta totalmente diversa dalla prima.

I monti che sorpassano i 2000 metri sull'appennino sono catalogati in un numero pari a 241, tra cime, anticime e contrafforti, di questi ne vengono descritti in modo esaustivo 105, ben 15 in più dell'opera iniziale, inoltre le vie di approccio e le descrizioni sono state aggiornate allo stato attuale, e corredate da molte foto recenti.

Abbiamo 4 monti dell'Appennino Tosco-Emiliano, che vanno poco sopra la quota di riferimento, i 10 Sibillini, che si alzano fino ai 2500, gli 8 dei Monti della Laga anch'essi prossimi ai 2500, i 3 Reatini col Terminillo, lo splendido massiccio del Gran Sasso, tetto dell'Appennino continentale con i 2912 metri del Corno Grande e con ben 15 oltre 2000, il Velino Sirente con 19 vette, I Monti Simbruini-Ernici con 5, la Majella con 12 e il Monte Amaro che è la seconda altezza appenninica con i suoi 2793i Monti Marsicani con ben 24 quote, il Matese con il solo Monte Miletto, il gruppo Sirino-Pollino con 6 monti e infine in Sicilia che ha l'Etna, che con i suoi 3323 metri non viene considerato facente parte della catena appenninica, ma un massiccio a parte.

Filippo Zolezzi