Guide

Turismo responsabile

Che cos'è
come si fa

Collana:

Autore: Maurizio Davolio, Chiara Meriani

ISBN 978-88-365-5573-4

Euro 9,00

Formato: 11 x 15 cm

Pagine: 256

Editore: Touring Editore

 

  Home Editoria


 
 

Turismo responsabile

imperdibile
di maggio 2011

Che cos'è
come si fa

Maurizio Davolio, Chiara Meriani

Touring Editore

 

la copertina

''Responsabile'' si definisce il turista che si interessa alle ricadute del proprio comportamento e che ispira il proprio modo di viaggiare a principi di giustizia sociale ed economica, nella consapevolezza che il patrimonio umano, culturale e ambientale di ogni paese debba essere rispettato e salvaguardato.

Le esperienze di turismo sostenibile o responsabile sono in crescita costante: dagli operatori e associazioni che si occupano di viaggi nei paesi del sud del mondo alle iniziative più vicine a noi quali quelle dell'albergo diffuso, del pescaturismo, del recupero di beni confiscati e mille altre: un mondo ricco, pieno di opportunità affascinanti e stimolanti, per far sì che una vacanza, oltre che occasione di svago, sia anche una reale opportunità di conoscenza e di arricchimento.

Questo libro, piccolo nel formato, ma grande nei contenuti, indica gli approcci che si debbono tenere per attuare questo tipo di viaggiare, rispettando persone, culture e territori.

Essere ospiti e non turisti è il motto dell'AITR, Associazione italiana Turismo Responsabile, entrare in contatto con la gente del posto, scoprirne tradizioni e cultura, usi e costumi, riscoprire la vera essenza del viaggio.

Troppo spesso chi fa turismo si sente di poter spadroneggiare nei luoghi di soggiorno, senza alcun rispetto per le popolazioni e il territorio, o peggio se si pensa alla vergogna del cosiddetto turismo sessuale, ma basta pensare ai trekking e alle spedizioni himalayane, che possono essere occasione di immenso arricchimento personale o semplice paggio semi- colonialistico.

Questo libro si presenta piccolino, ma al suo interno c'è una miniera di consigli, di cose da fare e da non fare, di organizzazioni da contattare, di luoghi da vedere e da raggiungere, insomma un modo nuovo e responsabile di viaggiare.

Filippo Zolezzi