Escursioni e Passeggiate

Sentieri nel Canton Ticino

Volume 2 Lago Maggiore, Val Verzasca, Lugano e Mendrisiotto

Collana: Sentieri e natura

Autore: Cinzia Pezzani, Sergio Grillo

ISBN 978-88-8177-160-8

Euro 14.00

Formato: 11 x 20 cm

Pagine: 192

Editore: ITER Edizioni

 

  Home Editoria


 
 

Sentieri nel Canton Ticino

Volume 2 Lago Maggiore, Val Verzasca, Lugano e Mendrisiotto

Cinzia Pezzani, Sergio Grillo

ITER Edizioni

 

la copertina

A due passi dalla Lombardia e da Milano il Canton Ticino attende gli escursionisti con le sue sorprese, i suoi sentieri, le sue montagne.

Il secondo volume della guida “Sentieri nel Canton Ticino” propone 54 itinerari tutti su percorsi segnalati, per scoprire un territorio straordinariamente vario, sostando qua e là in uno dei tanti punti di appoggio, capanne e rifugi, sem¬pre più apprezzati dagli escursionisti per la qualità e la cor¬dialità dell’accoglienza.

La zona occidentale del Canton Ticino, che è trattata nel volume, presenta montagne solitarie e non di rado selvagge come le Centovalli, la Val Verzasca e il Malcantone, alture più modeste ma panoramiche come quelle intorno a Locarno, e naturalmente i laghi Maggiore e di Lugano con i loro magnifici panorami dal sapore quasi mediterraneo.

Accompagnano l’escursionista cascate e boschi, una fauna e flora di pregio, case di pietra, ponti medievali e piccole chiese di montagna e le tracce ancora vive dei Walser, un antico popolo di lingua tedesca.

Il camminatore italiano, in più, resterà sorpreso e piacevolmente impressionato dalla perfetta organizzazione svizzera, dove la segnaletica dei percorsi è quasi sempre perfetta, la rete dei rifugi è capillare e i trasporti pubblici (linee ferroviari e bus gialli dell’Autopostale) rendono comodissimo spostarsi da una valle all’altra e da un paese all’altro.

La guida fornisce indicazioni pratiche ed aggiornate, cartine di riferimento, notizie di carattere storico e naturalistico così da risultare un piacevole e maneggevole strumento da leggere prima di partire e da tenere sempre nello zaino.

Filippo Zolezzi