Narrativa

Montagne per un uomo vero

Collana: Oltre confine

Autore: Pierre Mazeaud

ISBN 978-88-96822-18-0

Euro 21,00

Formato: 16 x 24 cm

Pagine: 268

Editore: Alpine Studio

 

  Home Editoria


 
 

Montagne per un uomo vero

imperdibile
di dicembre 2011

Pierre Mazeaud

Alpine Studio

 

la copertina

Queste pagine autobiografiche sono un documento umano e un esempio per la nuova generazione di alpinisti. Ma sono anche, permettimi di dirlo, caro Pierre, un soffio d’aria fresca e salutare in un mondo di deboli dal cuore infiacchito., con queste parole Walter Bonatti conclude la breve prefazione di questo libro, un onore più unico che raro, poco prima della sua morte; Bonatti-Mazeaud è una delle coppie più ricordate e significative della storia dell'alpinismo, un legame che ha portato il nostro Walter, uno dei più grandi alpinisti di tutti i tempi a chiamare Mazeaud mio fratello...

Per la maggior parte delle persone Mazeaud è colui che con Bonatti ha vissuto una delle storie più appassionanti e tragiche della storia dell'alpinismo: il Pilastro centrale del Freney nel 1961, ma Mazeaud è molto di più di questa vicenda, peraltro fondamentale, è uno dei più grandi alpinisti europei del dopoguerra e con Bonatti non ha solo scritto la pagina del Freney, ma anche molte altre di grande intensità e valore.

Dopo 40 anni dalla prima edizione, ecco che Alpine Studio ci ripresenta uno dei classici più straordinari della montagna, per malaugurata coincidenza il libro è uscito a poche settimane dalla scomparsa dell'altro protagonista delle vicende più note, forse quasi a voler partecipare al ricordo imperituro.

Mazeaud si ricorda fin dalla più tenera infanzia: uno spirito inquieto, dalle caratteristiche anarchicheggianti, la sua giovinezza da bohemienne a Parigi, la sua passione per la montagna, le scalate sempre più impegnative e infine l'incontro con Bonatti, che scaverà un solco incolmabile nel suo spirito, eppure questo spirito inquieto e apparentemente insofferente all'ordine costituito, è stato quattro volte ministro, Presidente della Legion d’Onore Francese e Presidente della Corte Costituzionale di Francia.

Le pagine del Freney sono uno dei capitoli più grandi della storia della letteratura di montagna, raramente si possono leggere cose simili: non vi si trovano nè toni lacrimosi, nè trionfalistici, ma solo una vicenda altamente commovente, nella quale gli uomini lottano per la vita, senza mai dimenticarsi della fratellanza umana, sono pagine che non si possono non leggere, che anche un semplice curioso di montagna deve fare sue, perchè qui si può veramente capire cosa voglia dire andare in montagna e perchè lo si faccia, anche a dispregio della propria stessa vita...

Il libro, però, non è solo Freney, Mazeaud descrive le proprie vicende alpinistiche con uno stile molto appassionante e coinvolgente per il lettore, si pensi al Civetta, molto meno conosciuto, ma ugualmente emozionante, Montagne per un uomo vero pensiamo che sia una delle pagine più fulgide e importanti di questo mondo, che tutti noi amiamo tanto!



Filippo Zolezzi