Narrativa

Il camminatore

Collana:

Autore: Mario Martinelli

ISBN 978-88-97402-13-8

Euro 15,00

Formato: 12 x 17 cm

Pagine: 253

Editore: La Grafica

 

  Home Editoria


 
 

Il camminatore

imperdibile
di gennaio 2013

Mario Martinelli

La Grafica

 

la copertina

La nobile e fiera figura di Ivan Broz troneggia nella copertina di quest'ultima fatica di Mario Martinelli, lui è effettivamente esistito, ma l'autore ci tiene a far sapere che i fatti sono totalmente inventati e di fantasia, ma non è difficile immedesimarsi nelle vicende narrate e pensare che siano effettivamente accadute a Il camminatore.

I libri di Martinelli sono, per sua scelta, generalmente ambientati nella val Leno e sulle montagne che ad essa fanno da corona e in particolare a Vallarsa e ancor più in dettaglio a Obra.

Sono vicende slegate dal tempo scandito dall'orologio, o comunque poco definite cronologicamente, ma hanno un aspetto più universale, senza tempo...; comunque mario non disdegna di inserire qualche richiamo alla prima guerra mondiale che in Vallarsa, compresa tra il Pasubio e il Monte Zugna, ha avuto momenti tra i più memorabili.

Qui troviamo Ivan Broz, i Broz sono numerosi a Vallarsa e a Obra in particolare, che parte da dalla Slovenia natale per tornare al paese dei suoi avi, Obra appunto, con la notizia di una miniera d'ora nascosta in qualche parte delle foreste jobrere (di Obra), ma decide di non farlo nel modo più semplice e scontato, in treno o in carrozza, ma lo fa a piedi, per cui egli è appunto il camminatore.

Come sempre l'autore ci delizia con le sue descrizioni, sia del paesaggio e della natura, che dei sentimenti che danno vita all'anima umana, anche qui troviamo un panorama di personaggi straordinariamente umani e schietti, e i lupi, che fanno capolino in molte sue narrazioni.

Dopo molte peripezie Broz trova la miniera, ma alla conclusione si capisce che forse è meglio dimenticarsene, accontentarsi della soddisfazione del rinvenimento e tenersela per se nel cuore, come molte cose o affetti che quando li raggiungiamo non possiamo palesarli ad altri per svariati motivi.

Martinelli ha avuto molta parte della sua vita costellata da problemi di salute, ora più che mai, ma da vero jobrero ha sempre lottato e questa sua lotta traspare nei suoi personaggi e in certi punti il viaggiatore ci ha dato l'impressione di essere un suo testamento spirituale, ognuno di noi nasconde in sè lo spirito di questo camminatore, sta a noi scoprirlo e serbarlo come un bene prezioso!

Filippo Zolezzi