Narrativa

Ottavo grado

Collana: I rampicanti

Autore: Jean Baptiste Tribout, David Chambre

ISBN 978-88-96634-70-7

Euro 18,50

Formato: 15 x 21 cm

Pagine: 176

Editore: Versante Sud Editrice

 

  Home Editoria


 
 

Ottavo grado

Jean Baptiste Tribout, David Chambre

Versante Sud Editrice

 

stripslashes(
la copertina

Nel corso degli anni Ottanta l’arrampicata si libera definitivamente dalla tutela, talvolta ingombrante, dell’alpinismo ed intraprende un cammino che la porterà a diventare una vera e propria disciplina sportiva.

Oggi in tutti i continenti, nuove generazioni di scalatori affrontano direttamente l’attività per il suo aspetto più ginnico e competitivo; ma fino a vent’anni fa, molti arrampicatori, anche i più giovani, subivano ancora l’influenza della controcultura degli anni Sessanta e Settanta e scalare a tempo pieno significava, spesso, porsi volontariamente ai margini della società consumistica e ricavarne un certo orgoglio.

Questo libro, scritto a quattro mani da due dei protagonisti assoluti dell'arrampicata anni Ottanta in Francia, racconta i dieci anni, dal 1976 al 1986, che sconvolsero il mondo dell'alpinismo, determinando la definitiva consacrazione dell'arrampicata di alta difficoltà su brevi itinerari o addirittura su massi, ma anche l'espandersi e il perfezionarsi del fenomeno gare con tutte le contraddizioni e le polemiche che ciò ha significato.

Il Verdon, il Buoux, la Loubière, il Saussois, Fointainbleau, e tutti i santuari dell'alta difficoltà, fanno da sfondo alle gesta dei climber che hanno segnato l'evoluzione di questo sport: da Droyer, a Berhault, da Marc e Antoine Le Menestrel, a Edlinger, Bouvier, Tribout, e Destivelle.

Ottavo grado è un testo indispensabile per tutti gli scalatori che desiderano approfondire i motivi per cui oggi l'arrampicata, non solo sportiva, è quella che è.)

Filippo Zolezzi