Narrativa

IL VIAGGIO VERTICALE

Breviario di uno scalatore tra terra e cielo

Collana: Ossigeno

Autore: Enrico Camanni

ISBN 978-88-6549-107-2

Euro 14,50

Formato: 14 x 20 cm

Pagine: 142

Editore: Ediciclo Editrice

 

  Home Editoria


 
 

IL VIAGGIO VERTICALE

Breviario di uno scalatore tra terra e cielo

Enrico Camanni

Ediciclo Editrice

 

la copertina

Che cos’è la scalata, se non un viaggio verticale? , questo dice l'autore, iniziando questo interessantissimo libro.

Enrico Camanni è scrittore e giornalista di montagna, molto conosciuto dal popola della montagna, uno dei pochi che si azzarda a comporre gialli ambientati in montagna, con guide alpine e scalatori come protagonisti...

Esponente di spicco del famoso e determinante movimento chiamato Nuovo Mattino, definizione data su di un articolo da Gian Piero Motti, con poi esponenti Gian Carlo Grassi, Danilo Galante, Roberto Bonelli, Andrea Gobetti, Mike Kosterlitz, Ugo Manera e anche Camanni, l'autore con quest'opera fa una serie di riflessioni, che non vogliono fissare i canoni ufficiali dell'alpinismo, ma che riescono a dare un esauriente panorama del mondo alpinistico e del perchè si va in montagna.

Enrico è un alpinista bravo e un competente giornalista di montagna, anzi scrittore, visto che si mette alla scrivania per scrivere articoli, guide e anche romanzi.

In quest'opera c'è il suo pensiero, la sua filosofia, sul senso dell'andare in montagna, del viaggiare verso l'alto, del librarsi da terra con i propri mezzi, una sorta di ali umane che l'uomo ha sempre desiderato di avere.

L'autore ricerca le molteplici dimensioni della salita: quella fisica, legata al peso del corpo, all’inesorabile legge di gravità, e alle buone pratiche per affrontarla con successo; quella sensoriale, che allena oltre ai muscoli anche lo sguardo, il tatto, l’udito, e analizza tutte le relazioni con la materia circostante, sia essa la roccia o l’aria; e soprattutto, quella spirituale che indaga e interroga i movimenti dell’anima che preparano e accompagnano
l’esperienza della scalata.

Filippo Zolezzi