Narrativa

Sultano delle nevi

una storia vera del Gran Paradiso

Collana:

Autore: Ariberto Segála

ISBN

Euro 18,00

Formato: 14 x 22 cm cm

Pagine: 190

Editore: Arca Edizioni

 

  Home Editoria


 
 

Sultano delle nevi

imperdibile
di luglio 2003

una storia vera del Gran Paradiso

Ariberto Segála

Arca Edizioni

 

la copertina
A quell'altezza il cielo ti appare quello che é: non un coperchio per la terra, ma una grande materia profonda nella quale siamo immersi" (dalla prefazione del libro di Luciano Violante)

Sultano della nevi é quel tipo di libro che quando lo prendi in mano e lo sfogli, magari distrattamente, ti incuriosisce per via delle foto belle e originali, ma quando lo cominci a leggere ti inchioda alla poltrona e le pagine cominciano a scorrere una dopo l'altra con un fascino davvero incredibile...

Sultano era uno stambecco straordinario: un capo nato, apparso una mattina in modo misterioso e divenuto immediatamente il beniamino dei guardiaparco che lo cercavano sempre con i loro potenti binocoli, che si distingueva per un palco di corna straordinario e mai visto in tali dimensioni: oltre 110 centimetri di lunghezza per ognuna e 108 di distanza tra le due e dalla forma a scimitarra...

Il guardiaparco Provino Chabod é un personaggio altrettanto straordinario dello stambecco, dopo l'avvistamento ne diviene il silenzioso compagno, lo cerca, lo segue, lo studia, ne segue le vicende per circa 10 anni fino al giorno della morte dell'animale, un evento annunciato chiaramente e che Provino non vuole vivere per rispetto all'amico stambecco e allora prende un permesso, cosa mai fatta in decenni di carriera nel Parco, per non assistere alla morte di Sultano, una cosa veramente commovente!




Provino Chabod
Sono 10 anni di ricerche coi binocoli, nella speranza di imbroccarlo, di poterlo seguire e studiare, ma lui non si concedeva facilmente, sempre con un incedere maestoso, appariva magari all'improvviso vicinissmo, quasi a dire "amico mio, eccomi qui guardiamoci negli occhi...", poi era capace di sparire anche per alcune settimane.

Sultano era inequivocabilmente il capo degli stambecchi della Valle di Rheme: i giovani maschi si ritiravano evitando di incrociare le corna con lui, le femmine si lasciavano prendere senza eccessivi corteggiamenti e senza rifiuti, ogni gesto e ogni movimento aveva la dignitá, e la solennitá di un capo dichiarato e da tutti riconosciuto.

Ariberto Segále é giornalista e fotografo: ha lavorato per decenni con Epoca, ha poi collaborato con riviste come Panorama Mese, Oasis, Atlante, inoltre ha scritto numerose opere dedicate al Parco del Gran Paradiso, il suo stile é accattivante, sincero, come quello dei personaggi che si riesce a controllare.



All'improvviso ecco come apparse Sultano al binocolo di Provino...
L'autore, con questo libro, riesce a dare la dimensione di magia e di straordinarietá che anima queste valli e il Parco del Gran Paradiso, non solo con Sultano, ma anche con altre vicende ugualmente interessanti, seppur marginali.

Un libro come questo non puó assolutamente mancare nello scaffale di qualunque appassionato di libri di montagna: ci troviamo davanti a una vicenda vera e straordinaria, al confine tra realtá e fantasia, una storia che vede animali e uomini mescolarsi tra loro, sentimenti forti e atmosfere da fiaba, dove gli animali sembrano incarnare gli spiriti dei monti, quelli delle antiche leggende popolari, dove i riti e le magie si incrociano con una realtá, che sembra essere piú fiaba della fiaba stessa...

Chi di noi non vorrebbe incontrare un giorno un Sultano sul proprio sentiero? Ma forse ancora di piú si vorrebbe incontrare un Provino e specchiarsi nei suoi occhi che hanno visto l'invisibile e rimirare quel volto che sembra essere il libro della vita...

Ecco a voi l'imperdibile di Luglio e che imperdibile... non mancate di avere questo bellissimo libro, credete un consiglio da amici veri!

Filippo Zolezzi