Escursioni e Passeggiate

Parco Naturale Mont Avic

con cartina 1:25000

Collana: Le Guide dell'Escursionista

Autore: Naldo Finco, Luca Zavatta

ISBN 88-901937-2-7

Euro 9,50

Formato: 11 x 16 cm

Pagine: 88

Editore: L'Escursionista

 

  Home Editoria


 
 

Parco Naturale Mont Avic

con cartina 1:25000

Naldo Finco, Luca Zavatta

L'Escursionista

 

la copertina

Chi arriva in Valle d'Aosta, nelle giornate limpide, non può non essere attratto dalla svettante figura del Mont Avic che si erge a sinistra dell'autostrada, una montagna non altissima, ma che ricorda nelle sue forme un Cervino in scala inferiore.

La stessa suggestione che ha pervaso tutta la breve vita del grande Amilcare Cretier, meraviglioso alpinista di Verres, che ha visto in questa sinuosa vetta la sua Shangri-là, alla quale accorreva appena possibile.

Questa bella guidina è opera di due straordinari personaggi: il ben noto Luca Zavatta L'Escursionista, mirabile e quasi unico esempio di libraio-scrittore, autore della più completa serie di guide escursionistiche dedicate alla Valle d'Aosta e Naldo Finco, mitico custode di rifugi, prima del Cretes Seches in Valpelline e poi del Barbustel, fin dalla sua inaugurazione.

Il Parco Naturale del Mont Avic è situato a cavallo tra Val di Champorcher e Val Chalamy, primi valloni del versante destro orografico all’ingresso in Valle d’Aosta.
Funge da cerniera tra la Bassa Valle, culla della gloriosa civiltà alpina e la natura incontaminata delle “terre alte”, allungandosi sino al confine con il Parco Nazionale del Gran Paradiso.

la cartina

Il parco è stato istituito per preservare e divulgare peculiaretà naturalistiche e geologiche altrove poco diffuse, quali la foresta pura di pino uncinato, le rocce ofiolitiche e le aree umide, laghi, stagni e torbiere e forme di vita vegetali ed animali ad essi correlate. Le incantevoli conche del Miserin e del Gran Lac, il più grande bacino naturale della regione, i colli di Medzove, Fénis e Pontonnet, comunicanti con la Val Clavalité e la Val di Cogne, le antiche “vie di pietra per Barmelle e il Lac Gelé fanno parte delle innumerevoli attrattive paesaggistiche.

15 escursioni, 6 ascensioni alle cime più rappresentative e 1 trekking in più tappe, tra antiche mulattiere reali e accessi a sperdute miniere nella cattedrale della natura valdostana.

Allegata carta scala 1:25.000 con reticolo UTM.

A parere di Luca Zavatta, che ha girato minuziosamente ogni valle della regione, la zona del parco del Mont Avic è la sua preferita in senso assoluto e la più integra, della Valle d'Aosta.

Filippo Zolezzi