Narrativa

Dolomiti e calcari di nordest

150 anni di vie di roccia

Collana: I Licheni

Autore: Alessandro Gogna

ISBN 88-7480-114-5

Euro 22,00

Formato: 12 x 20 cm

Pagine: 400

Editore: Vivalda Editori

 

  Home Editoria


 
 

Dolomiti e calcari di nordest

imperdibile
di febbraio 2008

150 anni di vie di roccia

Alessandro Gogna

Vivalda Editori

 

la copertina

Ci sono libri che veramente non possono mancare nella biblioteca di un appassionato di montagna, ecco allora che abbiamo ideato gli Imperdibili, libri speciali, uno al mese, che secondo noi bisogna avere assolutamente e questo Dolomiti e calcari di nordest è proprio uno di quelli!

Lo è per diversi motivi: perchè narra la storia delle scalate nelle Dolomiti, lo è perchè si tratta di un libro appassionante, lo è perchè l'autore è Alessandro Gogna, uno dei più grandi alpinisti italiani del dopoguerra (evito di dire del secolo scorso, perchè non vorrei prenderle la prossima volta che avrò la fortuna di incontrarlo...).

Questo libro è la nuova edizione di quell'opera fondamentale per la conoscenza della conquista delle Dolomitiche è Sentieri verticali, publicata dall'autore nel 1987 con Zanichelli e da molti anni esaurita, ad essa egli ha voluto aggiungere il naturale prolungamento delle Dolomiti in Germania, Austria e Slovenia, con i loro gruppi montuosi come il Kaisergebirge, il Karwendel, il Dachstein, il Rätikon, il Gesäuse, il Kamnik.

Ci sono sicuramente anche altre pubblicazioni ben fatte, sia dal punto di vista storico, che da quello narrativo-stilistico, ma questa è opera di uno che quando parla di montagna, di gradi di difficoltà, di tecnica lo fa con la massima cognizione, essendone un esponente di punta e di grandissima esperienza, perciò l'autore riesce a far rivivere le emozioni dei vari alpinisti che si sono susseguiti nella conoscenza delle Dolomiti, non come semplice narratore, ma come testimone ed esperto.

Si parte nel 1726 con Pietro Stefanelli che sale sul Cimon del Cavallo, della
ragguardevole altitudine di ben 2251 metri, la prima salita ufficialmente conosciuta in dolomiti, passando per alpinisti come Grohmann, Winkler, Preuss, Dülfer, Solleder, Cassin, Vinatzer, Soldà, Comici, Castiglioni, Detassis, Maestri, Buhl, fino ai contemporanei Mariacher, Glowacz e Huber, ricordando anche le mitiche guide come i Dimai, i Siorpaes, Bettega e Piaz.

Leggere questo libro, che come sottotitolo ha 150 anni di vie di roccia, vuol dire anche ripercorrere la storia dell'alpinismo su roccia, delle tecniche di arrampicata, della corsa al raggiungimento dei gradi di difficoltà, oltre all'ottimo commento storico, l'autore propone molti brani tratti dai taccuini degli scalatori, che hanno una funzione di documento impareggiabile.

Una breve riflessione sulla copertina, che ci sembra veramente azzeccata: una sovrapposizione fotografica nella quale vediamo la classica spaccata di Emilio Comici sul camino Dülfer alla Cima Grande di Lavaredo nel 1933 e Alexander Huber che apre bellavista alla Cima Ovest di Lavaredo nel 2001, che contengono un pò tutta la meravigliosa storia della dolomiti, splendidamente narrata in questo libro.

Filippo Zolezzi