Escursioni e Passeggiate

Sentieri di Firenze

47 passeggiate nella natura e nella storia

Collana: Sentieri e natura

Autore: Stefano Ardito

ISBN 88-8177-132-5

Euro 8,50

Formato: 12 x 22 cm

Pagine: 144

Editore: ITER Edizioni

 

  Home Editoria


 
 

Sentieri di Firenze

47 passeggiate nella natura e nella storia

Stefano Ardito

ITER Edizioni

 

la copertina

La Iter Edizioni di Subiaco ha varato molti titoli interessanti con questa collana Sentieri e natura, ma pensiamo che il più originale sia Sentieri di Roma, un bel libretto col quale è possibile fare escursioni interessanti appena fuoriporta, conoscendone aspetti spesso nascosti e sconosciuti agli abitanti stessi dell'Urbe.ù

Con questo Sentieri di Firenze, l'editrice ci riprova e ottiene un risultato ancora migliore, infatti Firenze ancor più si presta a itinerari circolari, sia per glia spetti storico-culturali, che per quello naturalistico, senza dimenticare che la città è circondata da incantevoli colline, che aprono stupendi panorami su di essa.

Firenze è famosa in tutto il mondo per la sua arte, i suoi personaggi, la sua storia e la magica atmosfera che accoglie ogni visitatore; l'incanto di Firenze non è, però, limitato solo al centro storico, pur ricco di tesori d'arte incomparabili.

Per penetrare la complessa personalità della città sarà necessario approfondirne la conoscenza nel tempo ed estenderla anche alla suggestiva campagna dei dintorni.

Le dolci colline di Fiesole, di Bagno a Ripoli e Scandicci, i crinali del Montalbano della Calvana, del Chianti, i boschi e le vette di Monte Morello, del Pratomagno, del Casentino e del Mugello propongono uno scenario straordinario, un piccolo mondo lontano dal caos da esplorare a piedi, lungo una splendida rete di sentieri segnati.

Sui sentieri e per le strade campestri, da un castello a un casale, da un borgo a una pieve romanica, il turista potrà camminare tra campi coltivati e uliveti, tra vigneti e boschi di querce e ammirare i panorami amati già secoli fa da generazioni di viaggiatori ed escursionisti.

Filippo Zolezzi