Home Alpinia.net
  Home Aziende
  Home Editoria
  Periodici in Edicola
  Recensioni Libri
  I racconti di Alpinia
  Presentazioni Libri
  Incontri con Autori
  Librerie di Montagna
Notizie e Curiosità
dal Mondo
della Montagna
 Metti tra i Preferiti 
 Segnala ad un amico 
 Scrivici 
 Contatti 

 

 

 

 


LA BALLATA DEL CIELO STELLATO

(Poesia di Spiro in occasione del suo 94esimo compleanno)


  Spiro Dalla Porta Xidias 

Sopra di te, di notte, il cielo stellato.
Perso nell'egoità oggi imperante, non lo vedi,
lo accetti come dovuto.

Guardalo invece con animo puro e aperto
E meravigliati allora, stupisci per l'incredibile bellezza.
Tale da far della notte un tesoro
che ti porta diretto all' unico, infinito Tesoro,
fonte di questa bellezza del cielo
e di quella che ti alberga nel cuore:
Dio.

***

L'uomo non sa più abbandonarsi alla bellezza del cielo notturno
che anticipa quella Divina.
L' uomo rifiuta l'intuizione
sedotto dalla logica e dalla ragione
con cui vuole,
con cui crede
tutto spiegare in misura umana.
Anche le stelle,
non più intese quali gioielli divini
ma come entità materiali.
Da scrutare, esaminare, soppesare,
cercando di adattarle ai limiti assurdi
della dimensione terrena : finendo con lo scoprire
parametri vani ed inimmaginabili.
La galassia,
formata da miliardi di astri:
- chi dice trenta, chi dice cinquanta,
un' inezia di differenza,
visto che nemmeno un miliardo riesci a concepire...-

Ma la galassia non è sola,
altre la incalzano e si susseguono innumeri
in cifre impensabili:
miliardi -
anche qui stranamente,
chi dice cinquanta, chi trenta.-
Miliardi di galassie con miliardi di stelle:
l'indefinito. Impensabile. Irrazionale.
Perché fuori portata
della nostra mente.

E dopo le galassie, ancora galassie ?
O vuoto... Ma cosa è il vuoto ?
E l'uomo di fronte all'inimmaginabile sviluppo
dell'idolatrato fattore “quantum”
-” regno della quantità”,
si accorge che proprio l'estensione illimitata
non è più quantità,
ma vuoto.
Vuoto nero, vortice scuro che inghiotte, annulla
questo voler limitare alla ragione un universo.
L'Universo.
Il Cosmo.

***

Ma pure la ragione nella sua corsa dissennata verso il nulla
può condurre al Tutto.
La stessa dilatazione
inconcepibile alla mente umana
proprio perché irrazionale
ti può portare all'inevitabile conclusione antologica:
la Verità della Dimensione, superiore
ai parametri logica e ragione.
Dio.
Anche la scienza pratica, superficiale, terra a terra
ti può condurre a Dio.
Perché Dio è Tutto
e tutto è Dio.

Perché Dio è oltre tutto.




(21 febbraio 2011... Buon 94esimo compleanno, Spiro... da Alpinia...)


  a cura di
  Filippo Zolezzi

 
intro >>