Narrativa

Mio padre Hermann Buhl

Collana: I Licheni

Autore: Kriemhild Buhl

ISBN 978-88-7480-132-9

Euro 23,00

Formato: 13 x 20 cm

Pagine: 236

Editore: Vivalda Editori

 


 

Mio padre Hermann Buhl

libro del cuore

Kriemhild Buhl

Vivalda Editori

 

la copertina

Ultimamente abbiamo recensito diversi libri che sono stati scritti da parenti di grandi alpinisti scomparsi, ne citiamo due tra gli ultimi che ci sono piaciuti molto: quello Di Goretta Traverso, moglie di Renato Casarotto La via della montagna e L'ossessione dell'Eiger di John Harlin Jr, figlio dell'omonimo grande alpinista americano, entrambi molto bellie commoventi, come straordinario appare quello che qui vi presentiamo.

Non dobbiamo introdurre Hermann Buhl, uno dei più grandi alpinisti di tutti i tempi, tutti voi lo conoscete ma se volete rinfrescarvi le idee rivedetevi uno dei libri più belli mai pubblicati sulla montagna, E' buio sul ghiacciaio, vogliamo qui presentare il libro di sua figlia Kriemhild, che aveva solo 5 anni quando il papà scomparve per sempre sulla cornice maledetta del Chogolisa...

"In realtà avrei voluto intitolare il libro “La moglie dell'alpinista”, perché il mio racconto riflette la storia di molte donne che sono vissute al fianco di uomini avventurosi. A volte però esso ricorda piuttosto la ricerca delle tracce di mio padre, che io ho perso così presto. In verità il libro è entrambe le cose: ricerca del padre e omaggio alla madre". L'autrice racconta i suoi pallidi ricordi di bimba, ciò che è rimasto del rapporto con un papà amoroso, ma scomparso troppo presto e in quel breve periodo di vita insieme troppo spesso in giro per i monti di tutto il mondo.


Generl Buhl con le figlie, 10 anni dopo la scomparsa di Hermann

Racconta suo padre attraverso gli occhi e le parole della mamma Generl, innamorata e fedele a Hermann in ogni istante della vita in comune e anche dopo, nella dura fase di vedovanza con tre bimbe piccolissime da far crescere, una grande storia d'amore che ancora oggi vive nel cuore di questa stupenda ottantenne.

E' la storia della famiglia Buhl, in principio di due uccellini che si sono costruiti il proprio nido con fatica e volontà, poi dei teneri pulcini arrivati ad allietare il nido e infine la lotta della chioccia, sola ma non indifesa, per far crescere le proprie creature, senza più l'appoggio del proprio marito.

Forse il titolo scartato sarebbe stato più indicato, perchè se la figlia riesce a descrivere molto bene il grande Hermann, lo riesce ancor di più con la figura eroica e gigantesca della mamma, mai arresasi a difficoltà sempre presenti e nemmeno ad altre tragedie non meno dolorose di quelle della perdita del marito.

Questo è un libro che veramente merita la qualifica di libro del cuore, in tutti i sensi e ve ne consigliamo caldamente la lettura, in primis per conoscere quel grande che è Hermann Buhl, e non in ultimo per importanza la figura della moglie e mamma Generl.

Filippo Zolezzi