Grande Guerra e Alpini

Il Calisio e la Grande Guerra

La fortezza di Trento. Alla scoperta delle fortificazioni austro-ungariche

Collana: Storia e tradizione

Autore: Volker Jeschkeit

ISBN 978-88-89898-62-8

Euro 24,00

Formato: 17 x 24 cm

Pagine: 328

Editore: Curcu & Genovese

 


 

Il Calisio e la Grande Guerra

La fortezza di Trento. Alla scoperta delle fortificazioni austro-ungariche

Volker Jeschkeit

Curcu & Genovese

 

la copertina

Più volte mi sono meravigliato meco stesso come l’ingegneri del governo non abbiano mai posto riflesso a questa posizione, che è forse l’unica della provincia veramente strategica, e sicura, e piuttosto abbiano speso le migliaia e migliaia di fiorini in Dos Trento il quale, per qualunque fortificazione si faccia, sarà sempre inetto a tutto fuori che all’atto vandalico che nutre si caramente e graziosamente di battere la città. E fortuna per noi che non gli passi neppure per la mente, altrimenti la nostra sorte sarebbe decisa (da uno scritto di metà '800 di Giuseppe Perempruner, impiegato giudiziario di Trento, che così valutava la strategicità del Calisio.)

Ecco il secondo volume della interessantissima serie dedicata da questo editore alle fortificazioni di Trento, vi ricordiamo il primo La fortezza di Trento, dello stesso autore.

L'annessione del Veneto al Regno d'Italia nel 1966 e la perdita del formidabile Quadrilatero, spinsero gli Austriaci a trasformare Trento in città-fortezza: Monte Bondone, Dos Trento e qui a sbarramento dalla Valsugana, più svariate altre postazioni in casamatta e alcuni progetti mai realizzati, come lo sbarramento Adige-Vallarsa.

La gigantesca fortezza del Calisio, con il suo complesso sistema di casematte per artiglierie in caverna e le due cupole corazzate girevoli, può essere riconosciuta come una delle più avanzate realizzazioni del Genio Militare Austriaco del primo conflitto mondiale.

Anche in quest'opera l'autore manifesta una grande competenza e notevoli doti di studio e ricerca; il libro è ricchissimo di documenti e foto dell'epoca e di immagini attuali, oltre che schemi e disegni esplicativi, un altro tassello per una conoscenza completa della Grande Guerra, soprattutto vista dalla parte del cosiddetto nemico.



Filippo Zolezzi