Narrativa

Storia di Neve

Collana: Scrittori italiani e stranieri

Autore: Mauro Corona

ISBN 978-88-04-58111

Euro 22,00

Formato: 14 x 22 cm

Pagine: 864

Editore: Mondadori

 


 

Storia di Neve

libro del cuore

Mauro Corona

Mondadori

 

la copertina

Per molti libri Mauro Corona ci ha abituati allo spirito del bosco, al suo camminare leggero sulle foglie, alle storie di piante e animali, alle fiabe leggiadre da leggere ai bimbi prima della buona notte, ai suoi personaggi ruvidi ma teneri allo stesso modo, alle vicende della Val Cellina e del Vajont, che tanto hanno affascinato tutti noi lettori.

Poi una svolta importante e sensazionale c'è stata con L'ombra del bastone, primo libro di una trilogia di fantasia, che prosegue ora con questo Storia di neve, nel quale troviamo protagonisti alcuni personaggi già comparsi nel primo volume, in particolare la strega Melissa e la fanciulla Neve e che si completerà presto con il terzo titolo.

Come già dicemmo in occasione dell'altro volume, Corona ha abbandonato i suoi personaggi ertani, per immergersi nella fantasia più sfrenata, ma ogni fantasia ha i suoi agganci con la realtà..., già L'ombra del bastone appariva severo e molto noir in molti punti della narrazione, qui ci sembra di ritornare ai racconti del terrore di Edgar Allan Poe.

Vi diciamo subito che l'opera non è adatta a persone che si impressionano facilmente a sentir parlare di sangue e di morte, specie se questa avviene in modi orrendi e raccapriccianti, certo da evitare per i bambini, anche perchè vi è una certa crudezza e abbondanza nei rapporti sessuali e nel linguaggio, anche se questo non lo critichiamo, perchè in questo libro niente è fuori luogo o esagerato, però sappiate che non tutti magari gradirebbero...

La prima cosa che colpisce del libro sono le quasi 1000 pagine, più simili a una saga di Tolkien che a un romanzo dei nostri tempi, e per certi versi siamo in una saga, dove però è la ricerca del male a farla da padrone e non una compagnia dell'anello che cerca il bene; nonostante la mole imponente, mai il libro ha momenti di pausa o di noia, anzi esso cattura il lettore, obbligandolo a proseguire nella lettura, magari rubando qualche ora al sonno, con la conseguenza poi di tremare per qualche scricchiolio sospetto nella propria casa...

L'autore è maestro nel descrivere come l'anima umana possa cadere nella depravazione e nella malvagità se spinta da cupidigia e desiderio di ricchezza: Felice Corona Menin quando scopre che la stranissima figlia Neve ha poteri sovrannaturali decide di macchiarsi di simonia e trasforma la povera bimba in fenomeno da baraccone, facendosi pagare per guarigioni impossibili e vessando crudelmente poveretti e malati, organizzando pure falsi miracoli e ciò lo fa truffando, uccidendo e occultando corpi, con una crudeltà e una perversione veramente ributtanti, ma se riflettiamo molte persone farebbero cose simili, solo che evitano per paura delle conseguenze.

Neve è una fanciulla costituita da acqua e l'amore la fa sciogliere, è la sua maledizione, il desiderio di amare almeno una volta la porterà alla morte in ancor giovane età, appunto disciolta come neve al sole.

"Ma le porte degli inferi non prevarranno...", così dice il Vangelo e così avviene anche in questo libro, alla fine Felice Corona e i suoi sgherri pagheranno con la vita ogni loro torto e angheria fatta patire al prossimo; l'autore Mauro Corona si mostra profondo conoscitore dello spirito umano, che descrive in modo grottesco e paradossale, ma estremamente realistico, aspettiamo con ansia il terzo volume, che concluderà la trilogia, perchè siamo sicuri che sarà memorabile!

Filippo Zolezzi