Multimedia

Sulle tracce della memoria

Il segno della Campagna di Russia nei sentimenti delle nuove generazioni

Collana:

Autore: Fabio Ognibeni

ISBN

Euro 10,00

Formato: DVD cm

Pagine: 0

Editore: edito in proprio

 


 

Sulle tracce della memoria

introvabile

Il segno della Campagna di Russia nei sentimenti delle nuove generazioni

Fabio Ognibeni

edito in proprio

 

la copertina

“Alla storia ed alle tradizioni degli Alpini sono molto legato:i ricordi di mio Padre, Tenente del Battaglione Vestone (Tridentina), hanno dominato la mia sete di sapere. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1981, ho letto molti libri, tutti quelli che narrano le vicende degli Alpini in Russia.
Per anni ho sentito il desiderio di andare là, a pestare quella neve, a sfidare il vento, e nel vento ritrovare le loro voci, le loro paure, la loro forza.
Poi ho deciso: nel gennaio del 1998 ero sulle sponde del Don, gelato, con lo zaino “pesante” di tutti i ricordi, dei nomi degli Alpini, dei luoghi e dei paesi, dei racconti letti e riletti sui libri.
Mentre camminavo, da solo, i pensieri si alternavano: casa, famiglia, papà, libri e battaglie, ancora casa e Pieve, gli amici, le mie montagne...
"Rigoni, ghe riverem a bàita?"
.

Questa motivazione ha spinto Ognibeni a compilare questo stupendo DVD che vuole fare memoria dei nostri Alpini del Don, ma anche dello spirito Alpino in generale, del proprio sentirsi corpo anche in congedo, basta vedere le immense adunate annuali.

Il DVD comprende la presentazione dell'opera da parte di Bruno Pizzul (Ufficiale Alpino SMALP 28° Corso), che non tralascia mai di esprimere la propria alpinità, il racconto del percorso della Tridentina, dal Don a Nikolajewka (200 km circa) ripetuto a piedi in solitaria da Fabio Ognibeni (Ufficiale Alpino SMALP 113° Corso), nel gennaio 1998; con gli incontri della gente russa, i pensieri, le emozioni evocate da quei luoghi, il commovente incontro con NHelson Cenci (Tenente del Btg. Vestone, 1942-43 Reduce di Russia) nella sua casa di Cologne Bresciano e infine lo spettacolo teatrale “La notte che il nulla inghiottì la terra”, toccante ed intenso monologo con cui il protagonista, soldato alpino inviato sul fronte russo, ripercorre gli umori e le condizioni dei diversi momenti: la partenza, il viaggio, il fronte, la trincea, l’inverno, la ritirata, le battaglie, la fame, la paura e la disperazione.

In tutti questi anni, è maturata l’idea di realizzare un “racconto” che si unisse alle iniziative della collana editoriale IPDV - l’Impronta degli Alpini, sia per “trasmettere la memoria”, sia per concretizzarla nella solidarietà alpina a favore della “baracca” del Santo Alpino Cappellano:la Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus.

Il DVD, il cui ricavato andrà alla Fondazione Don Gnocchi, può essere ordinato via e-mail (fabio113@ognibeni.it ) oppure via fax ( 0462-813214 )

Filippo Zolezzi