Narrativa

La burocratite ostativa ed altre storie

Ovvero il devastante narcisismo della burocrazia nei frammentari ricordi di un borgomastro di montag

Collana:

Autore: Jodoco dal Pian del Torchio

ISBN

Euro

Formato: cm

Pagine: 162

Editore: Pro manuscripto

 


 

La burocratite ostativa ed altre storie

introvabile

Ovvero il devastante narcisismo della burocrazia nei frammentari ricordi di un borgomastro di montag

Jodoco dal Pian del Torchio

Pro manuscripto

 

Jodoco dal Pian del Torchio, alias Geremia Gios

Nell'ambito dei libri di montagna escono tonnellate di libri seri, qualche volta, rara purtroppo, riceviamo dei testi che sono molto arguti e di grande umorismo, come questo pro-manuscripto di un tal Jodoco dal Pian del Torchio.

Il segreto sull'autore è di breve durata perchè i lettori che lo conoscono capiranno immediatamente di chi si tratta: l'autore è il bravo e simpatico Geremia Gios, sindaco di Vallarsa e insigne docente all'Univerità di Trento.

Geremia è un ottimo sindaco, anche se Vallarsa non è certamente il centro delle Dolomiti, però è anche un grande studioso di vita montanina e dei problemi che un povero amministratore deve affrontare quotidianamente per mandare avanti la baracca...

Questo romanzo, che poi forse tanto romanzo non è, narra delle sventure di un povero sindaco e della sua giunta comunale, per cercare di mandare avanti la cosa pubblica; arcigno e inflessibile si erge sempre contrario e nefasto il Cancellario del Comune, colui che riesce a trasformare qualunque decisione comunale in una sequela di denunce e di irregolarità procedurali, impastoiando e bloccando ogni attività del municipio, dalla più importante a quella più insignificante...

Il combinato disposto è il grido di battaglia di tale nefasto Cancellario, che azzoppa ogni attività del povero sindaco di Valleripida, che il nostro buon Geremia mette come grottesca personalizzazione della burocratite, che impedisce il regolare funzionamento della pubblica amministrazione.

Questo testo, che è un pro-manuscripto, un divertissement e sfogo dell'autore, meriterebbe di essere dato alle stampe e diffuso ampiamente, perchè ciò che l'autore enuncia in modo umoristico finisce per essere la drammatica realtà nella quale molte amministrazioni pubbliche devono dibattersi, bloccando in maree di cavilli e impedendo la realizzazione di opere utilissime, che spesso perdono finanziamenti per essere state approvate fuori tempo massimo e non per cattiva volontà, ma solo per vera impossibilità di rimanere nei termini di legge prescritti.

Ci viene da dire: forza Geremia, non ti abbattere e continua così, c'è bisogno di persone come te!

Filippo Zolezzi