Storia Cultura Etnografia

La montagna infinita

Collana: Koinonia

Autore: Americo Marconi

ISBN 978-88-6257-127-2

Euro 18,00

Formato: 17 x 24 cm

Pagine: 240

Editore: Pazzini

 


 

La montagna infinita

libro del cuore

Americo Marconi

Pazzini

 

la copertina

La montagna, definita da Leslie Stephen playground of Europe, iniziò ad essere terreno di divertimento solo dall'Illuminismo in poi, fino a quel momento l'umanità se ne era tenuta ben alla larga dalle sue erte pendici, sia per il pericolo per salirla, ma spesse volte, soprattutto, per l'aspetto sacro della stessa.

Americo Marconi, medico e volontario del Soccorso Alpino della provincia di Ascoli Piceno, ha intrapreso l'ardua impresa di scalare le ripidissime pendici delle montagne sacre, del loro legame con le religioni antiche e fondamentali per la storia umana.

La montagna infinita è un serio studio, anche se non prolisso ma completo, sull'aspetto sacro delle montagne nella storia umana, l'autore ha lavorato alacremente e ha ottenuto un risultato veramente interessante, lo studioso o il semplice appassionato troveranno in quest'opera risposte e spiegazioni esaurienti.

A partire dal mitico Monte Meru, fondamentale nel pensiero buddista, o al reale Kailash, del quale sappiamo bene i pellegrinaggi intorno alle sue falde e per la sua sacralità tuttora inviolato, poi le montagne sacre cinesi e giapponesi, con il simbolo stesso del paese, il Monte Fuji, sacro per eccellenza...
Poi i sacri monti della Persia, quelli simbolici rappresentati dalle ziqqurat (chi non ricorda la torre di Babele), l'Olimpo con gli dei della Grecia, l'Oreb il monte del Dio di Mosè, chiamato da noi Sinai, per finire con i monti di Maometto.

La montagna come luogo di innalzamento verso la divinità, come luogo sacro attraverso innalzarsi fino al cielo: si pensi per esempio al Tabor della trasfiguazione o al simbolo del Calvario, con la croce, apice della salvezza e della risalita a Dio Padre...

Ecco un'opera originale nel panorama dell'editoria di montagna, diciamo pure molto significativa, perchè affronta un tema importante nel nostro ambito: la spiritualità umana; è un lavoro ben fatto ed esaustivo che ci illumina su questo aspetto della montagna, che tanto ha colpito e affascinato l'uomo nei millenni del suo cammino verso la realizzazione di sè.

Filippo Zolezzi