Strumenti e Tecnica

Manuale tecnico per l'escursionista di media e alta montagna

Per conoscere e superare qualunque difficoltá nell'ambiente naturale

Collana:

Autore: Mario Rosa

ISBN

Euro 23,50

Formato: 15x21 cm

Pagine: 124

Editore: A.S.I.E.A

 

  Home Editoria


 
 

Manuale tecnico per l'escursionista di media e alta montagna

Per conoscere e superare qualunque difficoltá nell'ambiente naturale

Mario Rosa

A.S.I.E.A

 

A.S.I.E.A., Roma
la copertina
Di certo siamo maggiormente portati a sfogliare guide che descrivono itinerari che manuali che diano conoscenze di base di escursionismo o di alpinismo, non pensando che informazioni e notizie ci possono trarre di impaccio in situazioni anche drammatiche e possono significare persino la sopravvivenza...

Questo manuale di Mario Rosa, accompagnatore professionale turistico e dotato di un curriculum professionale e culturale da far paura, introduce alle tecniche fondamentali che un escursionista coscienzioso e reponsabile dovrebbe conoscere, sia per procedere con sicurezza, che per saper reagire alle emergenze e ai fatti inaspettati.

Il manuale – suddiviso in sezioni: la prima é dedicata all'orientamento, alla cartografia e allo studio di percorsi; la seconda riguarda nozioni di primo soccorso; la terza prende in rassegna l'equipaggiamento; la quarta le tecniche di arrampicata (cenni); la quinta spiega i comportamenti da tenere in ambienti naturali; la sesta analizza l'alimentazione in relazione alla resa psico-fisica; la settima descrive le comunicazioni; l'ottava insegna la sicurezza e le tecniche di corda; l'ultima parte riguarda le leggi che regolano i comportamenti del settore.

L'autore, fondatore e presidente del l'A.S.I.E.A., ha creato questo libro interessante cercando di completare una lacuna che appare essere grave nel nostro paese: la documentazione e la conoscenza, troppo volte succedono incidenti fatali o no, che scuotono l'opinione pubblica e scatenano i luoghi comuni della gente, dimenticando che quasi sempre ció che accade non é frutto di chissá quale destino cinico e baro, ma molto semplicemente delle scelte sbagliate o superficiali di chi ha intrapreso una gita.

Un libro non pesante, maneggevole e facilmente consultabile, che vuole colmare un vuoto che non puó essere trascurato e che puó salvare vite umane...

Filippo Zolezzi