Guide

Appennino Ligure e Tosco-Emiliano

Collana: Guida dei Monti d'Italia

Autore: Daniele Canossini, Marco Salvo

ISBN

Euro 36,50 (25,5

Formato: 11x16 cm

Pagine: 512

Editore: CAI Club Alpino Italiano

 

  Home Editoria


 
 

Appennino Ligure e Tosco-Emiliano

Daniele Canossini, Marco Salvo

CAI Club Alpino Italiano

 

CAI
la copertina
Per gli appassionati di montagna italiani, spesso non solo loro, ogni uscita di una nuovo volume della collana "Guida dei Monti d'Italia", coedita dal CAI e dal Touring Club Italiano, costituisce un piccolo avvenimento...

Tutti associamo alla Collana Guida dei Monti d'Italia le Alpi, molti meno lo fanno pensando agli Appennini, che vengono considerati montagne di serie B, ingiustamente..., anche se resta viva l'immagine del Gran Sasso o delle Apuane.

Dopo molti anni di preparazione il CAI e il TCI colmano una mancanza molto sentita: questa guida dedicata all'Appennino nel suo settore Nord-Occidentale con la Liguria e la dorsale Tosco-Emiliana, uno spazio descritto molto esteso e interessante, soprattutto per gli escursionisti.

La zona riportata é molto ampia, certamente si tratta della guida della collana che propone il territorio maggiormente grande e questo implica che le descrizioni delle vie siano meno numerose per ogni gruppo montuoso di quelle che analizzano una zona maggiormente circoscritta, ma senza per questo essere banale o carente di informazioni...

Gli Appennini sono ideali per gli appassionati di passeggiate, senza andare ad altezze vertiginose, ma tra boschi e foreste riposanti, con panorami spesso mozzafiato, con il mare da un lato e le Alpi all'orizzonte dall'altro, senza far mancare anche interessanti pareti di arrampicata.
CAI
Vernazza, Cinque Terre


Si inizia con quello Ligure, caratterizzato da una stupenda Alta Via che ne percorre interamente il crinale per circa 440 chilometri tra Ventimiglia e Sarzana, i monti dal mare, una cornice unica e stupenda; poi la dorsale Tosco-Emiliana con massicci come l'Alpe Succiso, il Cusna e il Cimone che superano abbondantemente i 2000 metri, per arrivare infine al Falterona.

La Guida offre anche molti itinerari invernali da fare con gli sci o con le ciaspole, sono zone privilegiate per queste pratiche e ha anche una sezione dedicata all'arrampicata sportiva e una di cascate di ghiaccio, la specialitõ che tanto successo sta avendo.


Filippo Zolezzi