Libri Fotografici

Montagne

Immagini Pensieri

Collana:

Autore: Reinhold Messner

ISBN

Euro 25,00

Formato: 24 x 35 cm cm

Pagine: 192

Editore: De Agostini

 


 

Montagne

Immagini Pensieri

Reinhold Messner

De Agostini

 

la copertina
"Per riuscire a salvare la montagna è fondamentale che le generazioni future ne capiscano i valori"

Questo è il frontespizio di Montagne, Immagini-Pensieri, il libro con cui Messner ha voluto dare il suo contributo per l'Anno Internazionale delle Montagne, facendone un vero inno alla montagna e alle sue genti: perchè la montagna non è fatta solamente di rocce, di ghiacciai, orizzonti meravigliosi, ma anche di persone che la vivono quotidianamente, lottando contro le difficoltá di un ambiente spesso ostile.

In questo volume Reinhold Messner raccoglie le piö belle fotografie scattate in tanti anni di avventure che lo hanno portato sulle cime di tutto il mondo: dalle Dolomiti all'Himalaya, dall'America del sud ai ghiacci polari.

Ci troviamo dinnanzi ad un vero e proprio omaggio alla montagna e alle sue genti descritte in 200 splendide immagine, che sono accompagnate da brevi riflessioni, citazioni e racconti dell'autore, oltre a considerazioni legate all'alpinismo, alla filosofia dell'andare in montagna e all'importanza del rispetto per il territorio e per coloro che ne sono abitanti.

L'andare per monti è un'attivitá strettamente legata al concetto di libertá.
Chi di noi non sogna, almeno una volta nella vita,di essere libero e pieno di ardimento, in un ambiente selvaggio?

Messner sulla cima dell'Aconcagua, Ande
Ma esiste ancora quel "magico mondo della montagna" che ancora sogniamo ad occhi aperti?

Oggi si arrampica indoor nelle strutture artificiali delle palestre e l'ascensione dell'Everest viene offerta nei cataloghi delle Agenzie di viaggi, con la vendita di pericolose illusioni e la foto di vetta inclusa nel prezzo.

Al di lá delle infrastutture che hanno fatto della montagna un bene di consumo, si celano valori che vale le pena salvare e conservare perchè sono senza tempo.

Messner non vuole che le cime delle montagne vengano considerate delle mete di prestigio che si possono acquistare come un bene di lusso o un viaggio costoso.
Tendina sulla cresta sommitale dell'Everest
A lui sta a cuore l'ereditá dell'alpinismo, quel viaggio al confine del mondo e di se stessi che ciascuno prepara e porta a termine da sè; a lui premono quei valori che non hanno prezzo,perchè nel loro rispetto vengono premiati soltanto la capacitá di assumersi delle responsabilitá e il coraggio di fallire.

"Anche le montagne della mia vita sono fatte di curiositá, speranza ed entusiasmo. Un po' meno di roccia e di ghiaccio. Lassö ho vissuto il dubbio, la paura e la disperazione. Ma soprattutto la gioia di tornare tra gli uomini" (Reinhold Messner)

Filippo Zolezzi