Sci e Ciaspole

VOGLIA DI RIPIDO

Dal freeriding allo sci estremo nelle Alpi sud occidentali

Collana: I Grandi libri

Autore: Igor Napoli

ISBN

Euro 45,00

Formato: 21x30 cm

Pagine: 296

Editore: L'Arciere

 

  Home Editoria


 
 

VOGLIA DI RIPIDO

Dal freeriding allo sci estremo nelle Alpi sud occidentali

Igor Napoli

L'Arciere

 

L
la copertina
Nel corso di nemmeno cento anni lo sport dello sci ha conquistato appassionati in numero sempre maggiore: dallo sci alpino, a quello nordico, alle tavole snowboard, per arrivare al telemark e alle discipline piš estreme...

Dapprima furono le piste e i primi impianti di risalita, poi, man mano che le piste battute meccanicamente diventavano sempre più affollate al punto di ricordare le strade nelle ore di punta, si diffuse una forma di sci maggiormente legata alla natura e ai grandi spazi silenziosi: furono i gloriosi anni del primo sci alpinismo, con i mitici attacchi Silvretta a cavetto tondo.

Poi le esigenze crebbero la pratica del fuoripista venne inglobata nel nuovo concetto di "freeriding", il cavalcare in libertà, il gettarsi nella polvere: la neve fresca ancora incontaminata..., poco tempo e cominciarono le cosiddette discese di sci estremo: le discese dalle grandi vette, attraverso pendii e pareti che tutto sembrerebbero prospettare all'infuori che la loro sciabilità, ma gli estremisti conquistarono un monte dopo l'altro, in ogni continente del mondo.

Voglia di ripido viene incontro a questa esigenza di libertà e, con una veste grafica strordinariamente bella, propone una serie vastissima di escursioni e discese per tutte le capacità, anche per i palati piú fini e per quelli maggiormente abili.
L
Discesa dal Monte Malanotte


Salti, discese in canaloni, tra pilastri e balze rocciose, senza alcun tipo di costrizione, lontano dai rumori e dalla gente.
L'incanto della neve appena caduta, il silenzio ovattato della neve fresca, il contatto vero, quasi mistico con la natura allo stato brado, la ricerca del momento perfetto, dell'istante magico che, da solo, vale una giornata intera...

Questa guida offre le più significative discese delle Alpi Occidentali: le Alpi Marittime, la Valle Gesso, la Valle Stura, le Valli Maira e Ubaye, le valli Varaita e Po, con speciali appendici dedicate ai monti delle isole come Corsica e Etna, il Monte Bianco e il Gran Paradiso, gli Appennini, le grandi Alpi, dall'Austria, alla Svizzera, al Delfinato.

Le vie descritte vanno dal freeriding allo sci estremo; il libro costituisce anche un tributo fotografico alla bellezza di montagne che in condizioni invernali mutano sensibilmente aspetto, assumendo un'eleganza particolare e, in particolari condizioni, sembianze semi-Himalayane.

Sono circa 130 gli itinerari descritti; ognuno di essi riporta una scheda sintetica con ogni elemento necessario alla sua effettuazione in piena sicurezza (degna di nota la sezione delle vie di fuga, da praticare in caso di maltempo o altri inconvenienti).
L
Estasi sul Monte Cassorso


L'autore é Igor Napoli, maestro di sci e di snowboard, vive a Frabosa, un ridente paesino del Monregalese, ha una grande esperienza di sci su polvere e di estremo; ha viaggiato molto anche fuori Europa, conoscendo tutti i tipi di terreno nevoso.

Ha visitato e salito montagne in Karakorum, Perú, Bolivia, nel Caucaso, in Turchia e nell'Himalaya indiano, poi Europa, Islanda, Stati Uniti, fondendo la passione per l'arrampicata con quella per la bicicletta.

Appassionato di fotografia ha fatto quasi tutte le riprese per questa pubblicazione.
L
L'autore, Igor Napoli


Volume, questo, che sicuramente potrà dare molte soddisfazioni e tanta gioia a chi se ne servirà, la stessa gioia che ha guidato Alessandro Muzzioli e tre suoi amici in una domenica di splendido sole sul Monte Fallere presso Aosta e che la valanga ha ghermito per sempre; a lui e a tutti coloro che hanno seguito lo stesso sentiero di luce dedico la recensione di questo libro bellissimo, con la raccomandazione di non lasciarsi mai impadronire dall'estasi irreversibile (si ricordi l' episodio degli Apostoli e di Gesù nella trasfigurazione, essi volevano rimanere lassù, tanto era bello lo spettacolo..), ma ricordandosi che nessun panorama, nessuna discesa emozionante , nessun'estasi potrà mai avere il valore della propria vita umana.

Filippo Zolezzi