Libri Fotografici

Le vie del sale

e altri percorsi. 9 itinerari tra pianura e mare.

Collana: Appennino meraviglioso

Autore: Fabrizio Capecchi

ISBN

Euro 38,80

Formato: 25 x 32 cm cm

Pagine: 112

Editore: Croma Edizioni

 


 

Le vie del sale

e altri percorsi. 9 itinerari tra pianura e mare.

Fabrizio Capecchi

Croma Edizioni

 

la copertina
In una rubrica dedicata ai libri di montagna é normale aspettarsi recensioni che parlano di pubblicazioni dedicate alle Alpi, ma ci si aspetta anche che si parli dell'altra grande catena montuosa che ancor piú attraversa il nostro paese e ne forma la vera spina dorsale: gli Appennini...

Le vie del sale dará molta soddisfazione a chi appartiene a questa categoria di appassionati che amano anche i monti meno elevati, ma non per questo di minor fascino, anzi tutt'altro.

"I monti dal mare", questa frase viene ricordata spesso quando si parla dei monti della Liguria, la regione italiana in cui Alpi e Appennini si uniscono e si fondono per dare origine al rilievo orografico del nostro paese e questa frase é quanto mai vera: tutta la regione vede le montagne ergersi erte e ripide in tutto l'arco del territorio, sia alpino che appenninico, con panorami che sono unici e incomparabili, con i colori che vanno dall'azzurro del mare, al verde dei boschi, al grigio bruno delle rocce, al bianco della neve fino al blu intenso del cielo.

Galaverna sul Monte Croce Martincano, sullo sfondo il Monte Penna.
Le vie del sale, che danno il titolo al libro, erano quelle strade che mettevano in comunicazione il mare con la Pianura Padana, lungo le quali avveniva appunto il commercio di questo bene tanto prezioso nell'antichitá, il sale.

L'autore del libro , Fabrizio Capecchi che ne é pure editore, vive da molti anni oltre giogo, al di lá dell'Appennino Ligure, alle propaggini dell'Oltrepo Pavese, ne é profondo conoscitore e appassionato descrittore attraverso i propri testi e l'obbiettivo fotografico.

Nell'opera vengono descritti sei itinerari storici che uniscono il Mar Ligure alla Padania, oltrepassando il frastagliato Appennino, e che mettono in comunicazione la Liguria con Piemonte, Lombardia ed Emilia.

Capecchi ha ricercato i percorsi tradizionali, scovando montagne stupende e paesi che sembrano ancora immersi nel passato, una poesia che solo certi libri come questo sanno comunicare, attraverso le parole e le immagini.

Vobbia, Castello della Pietra
Troviamo itinerari lungo il Turchino, attraverso il Giovo di Masone che comunicava Voltri e Genova con la Valle Orba e Alessandria; la Bocchetta tra Pegli e Gavi e Novi Ligure, attraverso le lande delle Capanne di Marcarolo; i classici Giovi tra il porto di Genova e la romana Libarna e Serravalle Scrivia; la meno conosciuta Crocetta, tra Genova e la Valle Scrivia, le rocche del Reopasso e Tortona; la Scoffera che unisce Genova a Piacenza attraverso le valli Bisagno e Trebbia; la Scoglina che collegava i borghi marinari di Camogli e Rapallo con la Lombardia attraverso Val Fontanabuona, Trebbia e Staffora; la Forcella tra Chiavari e l'Emilia Romagna oltrepassando la fredda Val d'Aveto; il Bocco storica via dal mare al parmense attraverso la Val di Taro; l'antico valico di cento Croci, teatro di truci leggende tra il Tigullio e le signorie della bassa Lombardia e del parmense, con la piccola perla di Varese Ligure.

E' un libro molto interessante, gli itinerari sono descritti con schede storiche e in modo facile da seguire, con foto stupende. Essi sono facilmente percorribili anche con l'auto, vista la lunghezza anche di di molte decine di chilometri...

Filippo Zolezzi