Storia Cultura Etnografia

Santi Spiriti e Re

Mascherate invernali nel Trentino fra tradizione, declino e riscoperta

Collana:

Autore: Renato Morelli, Cesare Poppi

ISBN

Euro 46,48

Formato: 24 x 33cm cm

Pagine: 224

Editore: Curcu & Genovese

 

  Home Editoria


 
 

Santi Spiriti e Re

Mascherate invernali nel Trentino fra tradizione, declino e riscoperta

Renato Morelli, Cesare Poppi

Curcu & Genovese

 

la copertina, carnevale a Penia
Il Carnevale nelle zone alpine dell'Italia é ancora oggi una delle tradizioni maggiormente sopravvissute all'ingiuria del tempo e all'oblio: dalle Alpi Marittime e Cozie, alla Valle d'Aosta, alla Lombardia, fino al Trentino è, un susseguirsi di usanze singolari e di feste grandiose, tutte accomunate dal medesimo spirito.

Gli autori Renato Morelli e Cesare Poppi hanno riversato in questo libro una ricerca piú che ventennale, fatta sia sui libri della cultura trentina, che sull'osservazione diretta sul campo.

Il Carnevale nelle montagne non é una semplice mascherata, ma si riveste di simbologie molto profonde, che sono esplicate dai personaggi stessi dei cortei mascherati.

Ci troviamo davanti ad un itinerario ragionato attraverso il ciclo delle mascherate invernali nel Trentino, che avviene osservando le tradizioni che, a volte, sono quasi sparite, per poi ritornare prepotentemente a galla in questi ultimi decenni.

Gli autori hanno svolto un'accurata indagine sulla molteplicitá e vitalitá del patrimonio culturale tradizionale trentino.

Il libro fa un'analisi completa sulla complessitá di quel mosaico di realtá ed episodi "locali" che oggi si inserisce nel problema, piú ampio, dell'autonomia provinciale.

I due autori hanno compiuto, come detto, oltre vent'anni di ricerche sul campo, documentando i momenti maggiormente significativi di questo ciclo di mascherate, presentato ed indagato in un'opera di sintesi storica, comparativa ed etnografica che ne evidenzia l'articolazione in varianti.

Valfioriana, carnevale Matócio
Il volume si divide in tre parti: una parte centrale di carattere etnografico (articolata nelle tre sezioni Santi, Spiriti e Re) compresa tra due parti analitiche.

La prima parte discute i termini del problema storico-comparativo che fanno da introduzione e cornice alla parte centrale, nella quale vengono analizzati singoli episodi etnografici, ponendo anche l'accento sui cambiamenti occorsi negli ultimi decenni.

La seconda parte analizza tali rituali con i Santi: San Nicoló, la Pèsca Tofegna e Sant'Antonio; gli Spiriti: con i Matóci, i Bufón, il Beciato', Arlechini e Máscher; poi il Tratomarzo, il rituale grottesco del fidanzamento, con le varianti della Stella e dei Tre Re.

La terza parte indaga le problematiche storico-etnomusicologiche relative ai canti della Stella e all'usanza dei Tre Re.

Il libro, oltre ai testi approfonditi e documentati, presenta un apparato iconografico straordinario: le foto attuali, sempre belle e anche di grande formato, sono accompagnate da cimeli storici, frutto di una ricerca appassionata e rigorosa, che documentano le tradizioni di queste vicende, dando cosí a questa pubblicazione un ulteriore valore aggiunto per la conoscenza ed il mantenimento della memoria della cultura di queste zone alpine.



Pinzolo Val Rendena, Tratomarzo: salto attraverso il fuoco
Vengono studiati i Carnevali tradizionali de la Val dei Mocheni, della Val di Fassa, Di Fiemme, di Cembra, di Valfloriana, Basso Sarca, Tesino, Bassa Val Chiese.

Del Tratomarzo si analizza la Valsugana, Tesino, Val Lagarina, di Cembra, Lagarina, Rendena, del Chiese, Brentonico.

Per la Stella e i Tre Re si prendono in esame Val dei Mocheni, di Fassa, Rendena, del Chiese, di Concei, di Non, di Sole, Luserna, Giudicarie, Mezzocorona.

Ricordiamo tra le appendici una ricchissima raccolta di canti e di trascrizioni musicali riguardanti queste tradizioni: probabilmente una documentazione unica...

Sulle feste del Carnevale nelle Alpi vi rimandiamo anche a queste recensioni:

Con la spada e con la croce, feste nelle Alpi Cozie

La parola alle Maschere, Carnavals de la Vallé d'Aoste

Filippo Zolezzi