Ambiente e Natura

Le Alpi

Una regione unica al centro dell'Europa

Collana: Nuova Cultura

Autore: Werner Bätzing

ISBN

Euro 70,00

Formato: 21 x 22 cm cm

Pagine: 496

Editore: Bollati Boringhieri

 


 

Le Alpi

Una regione unica al centro dell'Europa

Werner Bätzing

Bollati Boringhieri

 

la copertina
"Immensa opera", forse questa potrebbe essere la definizione di questo Le Alpi per opera di Werner Bätzing, docente universitario di geografia, ma soprattutto appassionato delle montagne.

Un lavoro enorme, frutto di decenni di studi e di uscite sul campo, di osservazioni e di viaggi, in esso vengono presi in esame tutti gli aspetti peculiari che caratterizzano il sistema montuoso più notevole del nostro continente.

L'opera è suddivisa in quattro parti: la prima che descrive le Alpi dell'economia agricola, la seconda che studia il crollo del mondo alpino tradizionale e le nuove forme di sfruttamento a partire del XIX secolo, la terza fa il bilancio della grande trasformazione strutturale nelle Alpi e la quarta cerca quale futuro per le Alpi.



Tradizionale processione del Corpus Domini in val Badia
Il volume costituisce il coronamento di venticinque anni di ricerche sulle Alpi, e si presenta come l'opera più completa oggi disponibile su questo tema.
basato su una profonda conoscenza del terreno, il libro è anche scritto «col cuore» ed esprime in ogni pagina l'amore che Bätzing nutre per l'ambiente alpino, per le Alpi sotto tutti i loro aspetti.

Un amore rivolto al paesaggio naturale, certo, ma ancor più ai paesaggi agrari creati dal lavoro dell'uomo, nonché ad altri aspetti del mondo alpino spesso rimossi dall'immaginario collettivo, come le città, le industrie, i corridoi di transito, le grandi infrastrutture: perché le Alpi, lo si voglia o no, sono anche questo, ed è in questo contesto non sempre «bello» che dalla rivoluzioneindustriale in poi vive una porzione rilevante della popolazione alpina.


Il castello di Briga, Alto Vallese
Con tutto ciò, dalle pagine del libro traspare il vivo contrasto fra l'atteggiamento nei confronti dell'ambiente dei contadini di montagna, quasi sempre improntato al mantenimento della stabilità ecologica, e uno sviluppo turistico, commerciale o industriale che talora è «di rapina» e pone seri problemi di ordine ecologico e socioeconomico.

Per tali problemi, Bätzing non ha soluzioni «pronte», ma intravede nello sviluppo sostenibile, nella valorizzazione di alcune aree spopolate come possibile localizzazione di attività tipiche dell'era postindustriale e nei progressi della Convenzione alpina un percorso praticabile, in grado di proporre le Alpi non solo come arena per il tempo libero, ma come uno spazio per vivere.

Filippo Zolezzi