Grande Guerra e Alpini

Memorie nel ghiaccio

Ghiacciai che scoprono la storia.Il fronte dell'Ortles 1915-1918

Collana:

Autore: Sebastian Marseiler, Udo Bernhart, Franz Josef Haller

ISBN

Euro 35,00

Formato: 20 x 26 cm

Pagine: 534

Editore: Athesia Verlag

 


 

Memorie nel ghiaccio

Ghiacciai che scoprono la storia.Il fronte dell'Ortles 1915-1918

Sebastian Marseiler, Udo Bernhart, Franz Josef Haller

Athesia Verlag

 

la copertina
L' evento che ha portato alla realizzazione di questo libro è un evento naturale: il ritiro dei ghiacciai in seguito ai recenti aumenti della temperatura atmosferica.

E' particolarmente nella zona intorno all'Ortles che i ghiacci che si sciolgono portano alla luce in maniera piuttosto macabra le ossa ed i materiali risalenti al fronte della grande guerra del 1915-1918.

Inizia così un'ondata di nuove ricerche ben documentate con splendide foto a colori nella terza parte del presente volume.

Ma gli autori di questo libro non volevano limitarsi a presentare soltanto le immagini dei reperti ultimamente rinvenuti, per cui hanno dedicato la prima parte del libro all'analisi dell'archivio raccolto dal tenente Franz Haller (1894-1989) che comprende, tra l'altro, una serie di straordinarie fotografie riferite alla storia dell'uomo



Uno dei due cannoni austriaci sulla vetta dell'Ortles
La parte centrale del libro nasce invece da uno studio approfondito della lettera¬tura specializzata nonché da ripetute visite sui luoghi dello scenario e da una serie di interviste alla memoria delle persone in qualche maniera coinvolte.

L'autore vuole, innanzi tutto, disegnare un quadro degli stati d'animo più intimi, della tacita sopportazione di una legge dura e terrificante e di tutte quelle sofferenze che la guerra porta con sé.

Il libro termina poi con l'esauriente documentazione fotografica odierna, quasi lugubre, che vuol essere una esortazione alla pace, ma anche un monumento alla memoria dello spirito di sacrificio di quegli uomini per i quali la difesa della propria patria contava più di ogni altra cosa

Filippo Zolezzi