Escursioni e Passeggiate

100 idee per respirare

Edizione rinnovata e aggiornata

Collana: Vivere il territorio

Autore: a cura di Giacomo Scaccabarozzi

ISBN

Euro 15,00

Formato: 15 x 19 cm cm

Pagine: 232

Editore: Bellavite A.G.

 

  Home Editoria


 
 

100 idee per respirare

Edizione rinnovata e aggiornata

a cura di Giacomo Scaccabarozzi

Bellavite A.G.

 

la copertina

La prima edizione di questo libro bellissimo uscì verso la fine del 1998, a pochi mesi dalla tragica scomparsa dell'autore; essa é un tributo che l'Editore ha voluto rendere all'amico e personaggio speciale Giacomo Scaccabarozzi, alpinista della Brianza, splendida zona collinare prealpina ora in provincia di Lecco e non distante da Milano, uomo umile, ma grande nella sua umanità, capace di grandi imprese nelle Ande, in Himalaya, dove in solitaria scalò il Cho-Oyu, fino al terribile Denali, il McKinley.

Sono molte le guide che propongono escursioni e ascensioni, perlopiù sono circostanziate a zone geografiche ben precise, oppure sono raggruppate per tipo di gite: escursioni, ascensioni, arrampicate su roccia, percorsi in bici, ecc.

100 idee per respirare si distingue da tutte le pubblicazioni precedenti, infatti sono proposte per respirare aria pura, ma anche conoscere la montagna in tutti i suoi ambienti, perciò gli itinerari descritti hanno sono suddivisi nelle quattro stagioni dell'anno...!



E' un'idea originale, ma molto interessante, infatti le guide escursionistiche si rivolgono abitualmente ad appassionati di media capacità, (i "bravi" fanno da soli e non si servono dei consigli dei libri...), che hanno come denominatore comune quello di amare la montagna, sia essa un 4000 o una collina in riva al mare, ma pur sempre luogo di gioia e di respiro a pieni polmoni.
Monte Resegone e Rifugio Azzoni

In questo libro possiamo dire di trovare il diario di gita di un vero appassionato che non si mostra geloso delle proprie scoperte, ma le dona generosamente agli altri, perchè anche essi ne possano godere.

Come ognuno di noi, che ama conoscere più luoghi possibili, privilegiando naturalmente gli ambienti più familiari e vicini, Giacomo ci conduce in gite di livello differente e di ambientazione molto variata: in inverno possiamo vedere il Monte di Portofino e le Cinque Terre , sul mar Ligure, e le Prealpi intorno al Lago di Lecco, scendendo fino alle Apuane.

Per poi affrontare le classiche lombarde di primavera: il Resegone, la Val Seriana, i Resinelli, alzandosi poi sulla Presolana e sulle Marittime, facendo una capatina sul Pasubio e il Monte Baldo, lanciandosi in alto all'inizio dell'estate, con le Dolomiti, la Val Formazza, la Val d'Aosta, la Marmolada, culminando ad Agosto, per chi se la sente, con una serie di 4000 abbastanza facili: Gran Paradiso, alcune vette del Rosa, il Breithorn, classico 4000 dell'escursionista, fino a proporre il Monte Bianco...
Corno Orientale di Canzo

Poi l'autunno con il ritorno tra i propri monti nel lecchese e in Brianza, con le Grigne, l'Engadina, l'Oltrepò Pavese e, cosa rarissima, l'Etna e Stromboli, il ritorno a pacifiche visioni liguri e i monti del centro Italia, con il Velino e il Gran Sasso.

Potrà sembrare strano trovare una passeggiata come Capo Noli, sulle rive del mare, insieme alla proposta del Monte Bianco, ma non lo è, perchè questo è un libro per gente comune che ama la montagna, che si programma gite diversificate e che non si vergogna di avere qualche sogno nel cassetto, che chissà che un giorno non si possa avverare...

Di ogni escursione vi è la scheda riassuntiva con i dati peculiari tradizionali, la descrizione analitica, un capitolo culturale e la carta dettagliata.

L'opera è stata riveduta e aggiornata da Pietro Tresoldi, che ha controllato tutte le escursioni, annotandone i cambiamenti e rendendo la grafica più attuale, inoltre, come oramai è consuetudine in quasi tutte le guide di escursionismo, sono sati aggiunti alcuni trekking molto interessanti: il Sentiero 4 Luglio, a Corteno Golgi, il Sentiero Roma in Val Masino e il Sentiero delle Grigne, lungo il quale si corre la gara mondiale di skyrunning intitolata appunto al compianto Giacomo Scaccabarozzi.

Filippo Zolezzi