Storia Cultura Etnografia

Bionaz

Un pays de montagne

Collana:

Autore: Dirk Kerremans

ISBN

Euro N.D.

Formato: 14 x 24 cm cm

Pagine: 132

Editore: La Batise

 


 

Bionaz

introvabile

Un pays de montagne

Dirk Kerremans

La Batise

 

la copertina
BIONAZ, un pays de montagne lo possiamo definire piú un atto di amore che un libro commerciale, infatti nasce nel fortunato incontro tra l'autore e questo paese sperduto, ma stupendo, in una tra le piú selvagge vallate della Valle d'Aosta.

Bionaz é il comune piú recondito della splendida Valpelline, distante poche decine di chilometri da Aosta, ma interi anni luce dai fasti vacenziero-mondani di Cervinia e di Courmayeur, localitá che ha saputo attrarre personaggi come Papa Ratti e lo stesso Whymper, il conquistatore del Cervino, meta ambiti di alpinisti nella fine ddll'800, in pieno periodo eroico e poi caduta nel'oblio...

Negli anni '50 le valli di Ollomont e Valpelline erano soprannominate le valli dei genovesi, i primi veri folgorati dalle bellezze incontaminate e splendide di queste zone ancora pure, poi arrivarono anche altri, ma il fenomeno notevole fu la scoperta di questo piccolo Eldorado da parte dei belgi: terminata l'imponente diga di Place Moulin, sopra Bionaz, molto materiale giaceva inutilizzato e tra questo le grandi baracche degli operai, che furono comperate da alcuni intraprendenti belgi che ne fecero delle colonie per i giovani, aperte tutto l'anno, con l'ammirevole progetto di abbinare vacanza a insegnamento: fu un enorme successo e i ragazzi che erano arrivati per una vacanza, vi tornarono da adulti e vi fu un lungo periodo nel quale si sentiva parlare i queste valli quasi solamente fiammingo o francese, (non valdostano...), molti ragazzi si fermarono sposandosi con abitanti locali.
La Batise, l'ostello di Dirk Kerremans
L'autore Dirk Kerremans é uno di quei ragazzi: fece un soggiorno giovanile nel 1968, nel 1975 si laureó in lingue a Bruxelles, fece un altro soggiorno, volle trascorrere ogni sua vacanza a Bionaz e nel 1999 vi si stabilí per sempre, organizzando soggiorni di studio e di pratica delle lingue e prendendo in gestione l'ostello La Batise, ricavato dal comune di Bionaz, ristrutturando un bel edificio settecentesco.

"Papá Albergo", cosí é affettuosamente soprannominato Dirk, ha scritto questo libro non con l'intenzione di comporre un'altra guida della zona, ne esistono diverse e tutte abbastanza belle e complete, ma con il desiderio di far conoscere questo piccolo paese di montagna in tutti i suoi aspetti, specie quelli meno noti.

Come professore ha scavato negli archivi comunali, ha intervistato le persone, ne ha annotato i ricordi, ha cercato foto antiche, ha girato nelle frazioni piú lontane e oramai disabitate per ritrovare testimonianze che permettessero di conoscere non solo i luoghi, ma anche le persone e la storia di questa valle e il risultato non deluderá il lettore.



L'autore nello splendido scenario dell'Alta Valpelline
Dopo un capitolo introduttivo che riguarda la storia, la geografia e la natura della Valle d'Aosta, non manca naturalmente una spiegazione sulla lingua locale e sulla particolaritá, del bilinguismo vista la specializzazione di Dirk..., descrive dapprima la Valpelline e poi in dettaglio Bionaz.

Nessun aspetto viene tralasciato: la storia, il territorio, le usanze, le tradizioni religiose, l'architettura, il lavoro dei campi, la pastorizia, la lavorazione del latte, il turismo, la diga di Place Moulin, il bacino idroelettrico maggiore d'Italia, la gastronomia, gli sport e i giochi tradizionali, le catastrofi naturali purtroppo importanti, la conoscenza della valle in modo filologico e non solo in chiave turistica e una vasta raccolta di leggende e racconti popolari.
Françoise Donneaux, Bionaz capoluogo
Questo libro viene anche impreziosito da alcuni dipinti ad acquarello di Françoise Donneaux, la sposa di Kerremans, che ha descritto in modo sensibile con i propri pennelli splendidi scorci di Bionaz.

Una piccola nota: il libro é in lingua francese, ma non abbiamo trovato alcuna difficoltá a comprendere perfettamente quanto scritto, infatti lo stile é semplice e chiaro, accompagnato poi da moltissime foto esplicative; potete richiederlo con una e-mail all'autore info@labatise.com, ma, se potete, noi vi consigliamo di andare a ritirarlo di persona, usufruendo anche dell'ospitalitá di Papá Albergo, ma soprattutto riuscendo a conoscere direttamente le meraviglie di Bionaz e della Valpelline!

Filippo Zolezzi