Speleologia e Canyoning

Canyoning in Francia

Alpi Marittime, Alta Provenza, Verdon e Briançonnais

Collana:

Autore: Roberto Coppo, Luca Dallari, Roberto Schenone

ISBN 88-88776-08-9

Euro 19,00

Formato: 12 x 20cm cm

Pagine: 182

Editore: Segnavia

 

  Home Editoria


 
 

Canyoning in Francia

Alpi Marittime, Alta Provenza, Verdon e Briançonnais

Roberto Coppo, Luca Dallari, Roberto Schenone

Segnavia

 

la copertina
Abbiamo già parlato dell'impegno di Corrado Conca e della sua editrice la Segnavia, che esce con sempre nuove pubblicazioni dedicate all'arrampicata nelle regioni del Mediterraneo e ora la serie dedicata al canyoning, specialità che sta riscuotendo sempre maggior successo e che ora esce dai confini della sardegna e nazionali per approdare in quella parte di Francia mediterranea e confinate con le Alpi Liguri e Marittime.

Il libro contiene la descrizione dei canyons più belli delle zone comprese in Alta provenza, Alpi Marittime, Vercors e Briançonnais , descrivendo comprensori che sono già molto noti per l'arrampicata: Valle Roya, Valle della Vésubie, Valle dei Paillon de Comtes, Valle della Tinée, Valle dei Cians, Valle dell'Esteron, Valle del Var, Valle dei Verdon, Valle dell'Ubaye, Valle della Durance e Massiccio dei Vercors.

Si tratta di una selezione delle migliori superforre d'oltralpe, fatta con certosina precisione da tre esperti torrentisti liguri, coetanei e fondatori del Cica Rude Clan di Genova, gruppo attivo dai primi anni '90, che hanno battuto palmo a palmo il territorio francese.
Numerose foto a colori, carte dettagliate e profili completano il lavoro.

Ogni discesa viene descritta accuratamente con una scheda contenete descrizione della discesa, carta, profilo del canyon e spettacolari fotografie, scattate dagli autori.

Veramente interessanti e innovativi sono i profili di discesa dei canyons, ne diamo un esempio qui accanto, nei quali emergono visivamente le caratteristiche fisiche, le peculiarità e gli elementi di rischio di ognuno di essi.

Questa zona della Francia sud-orientale è la culla mondiale di questa specialità, infatti i pionieri del torrentismo hanno esplorato queste gole negli anni tra il 1900 e il 1930, vedendo nascere verso il 1980 la specialità attuale.

Certamente il canyoning è specialità che richiede particolare prudenza a maestria, infatti oltre alle naturali difficoltà poste dalla roccia spesso scivolosa e viscida, presenta sempre il rischio di improvvisi cambiamenti di tempo, con repentine piene dei canyons e rischio di essere da esse isolati o travolti, quindi una pratica da fare con molti riguardi e non certo in modo superficiale.

Filippo Zolezzi