Guide

Spiagge dell'Appennino Ligure

Alla scoperta di oasi incantevoli nell'entroterra

Collana:

Autore: Michele Picco

ISBN 88-8012-367-X

Euro 18,00

Formato: 17 x 26 cm

Pagine: 190

Editore: Le Mani

 


 

Spiagge dell'Appennino Ligure

Alla scoperta di oasi incantevoli nell'entroterra

Michele Picco

Le Mani

 

la copertina

Vista la singolarità del titolo di questo libro, Spiagge dell'Appennino Ligure, la curiosità si è subito impadronita della nostra redazione, ligure tra l'altro...

Ci siamo trovati un libro veramente unico fino ad ora: una guida ai luoghi dove è è possibile fare il bagno nei torrenti e nei laghetti del'entroterra dell'Appenino che circonda Genova e nelle valli della sua provincia.

Quest'operazione editoriale può sembrare un poco futile, ma solo superficialmente, infatti sempre di più sono le persone che in una regione così generosamente dotata di spiagge e lidi marini si dirigono verso l'entroterra alla ricerca di piccoli specchi d'acqua dove poter sguazzare beatamente.
Quali possono essere i motivi di questa scelta? Pensiamo siano più di uno: in primo luogo la fuga da spiagge super-affollate e la ricerca di tranquillità, il desiderio di stare in luoghi particolarmente belli, senza rumori e magari senza torme di venditori asfissianti, la possibilità di portar seco anche i cani e, non ultimo, la possibilità di risparmiare sui costi delle spiagge marine, che al giorno d'oggi sono abbastanza alti, specie se si tratta di intere famiglie.

Lago e cascata del Serpente (Masone)

L'autore, Michele Picco, lo avevamo già conosciuto in Di sasso, di sale, di sole, guida alle arrampicate sportive e moderne nella provincia di Genova, nella quale ha collaborato attivamente con Fabio Pierpaoli. Si occupa di consulenza turistico ambientale ed è un grande appassionato sia di escursionismo che della sua Liguria, una regione unica nel pur vario panorama d'Italia: unica regione che vede coesistere le due catene montusoe che ne segnano il territorio, Alpi e Appenini, unica regione che vede mare e ghiacciai congiungersi, regione marinara con nette attitudini montanare!

Il lettore si sbaglierebbe se pensasse di trovare semplicemente una guida a luoghi dove poter fare dei bei bagni in santa pace, infatti questo libro è molto di più, Picco ha fatto una lettura filologica della provincia, descrivendone paesaggi, vallate, toponimi, tradizioni e molto altro.


Trebbia, lago di Fontarossa

Il libro è suddiviso in 6 aree: Antola-Scrivia, Genova-Levante e primo entroterra, Voltrese, Arenzanese, Valle Stura e Valle Orba; ogni area, a sua volta, è suddivisa nei fiumi, torrenti o rii, con un totale di circa 90 bacinni balneabili descritti.

Ogni bacino è caratterizzato da una descrizione analitica, una scheda turistica che ne specifica le caratteristiche, l'accesso, la capacità di persone presenti al bagno, l'ampiezza e la fruibilità, vi è inoltre una scheda con le caratteristiche fisiche del sito: dimensioni, profondità, tipo di battigia, portata d'acqua e esposizione prevalente.

Limitare questo libro ad una semplice, se pur molto originale, guida ai bagni di fiume e torrente sarebbe molto limitativo e diciamo anche ingiusto. Infatti Picco ha scritto un bel libro che può essere spunto per molte gite escursionistiche, in ogni stagione e indipendentemente dal fatto che ci si voglia rinfrescare o no, prendere il sole o semplicemente conoscere qualche angolo ancora sconosciuto e affascinante, come possono essere questi splendidi laghetti, veri occhi di smeraldo incastonati in una zona che è molto di più che le sole Riviere, stranote e straaffollate!

Filippo Zolezzi