Ambiente e Natura

A qualcuno piace freddo

Temperatura, vita, materia

Collana: Scienze

Autore: Gino Segrè

ISBN 88-339-1585-9

Euro 32,00

Formato: 17 x 22 cm

Pagine: 272

Editore: Bollati Boringhieri

 


 

A qualcuno piace freddo

Temperatura, vita, materia

Gino Segrè

Bollati Boringhieri

 

la copertina

Al termine di un inverno che è stato più una primavera e all'inizio di una primavera che sembra essere inverno, parlare di metereologia, di clima, di possibili evoluzioni negative se non catastrofiche, sembra essere uno sport di moda.

Quest'opera di Gino Segrè rifugge, però, da ogni allarmismo superficiale e da toni di possibile banalità, si presenta come il prodotto di uno scienziato serio e rigoroso, è professore di fisica e astronomia all'Università di Pennsylvania, ma perfettamente leggibile anche da parte di chi non ha una laurea scientifica, ma è semplicemente appassionato del clima e dell'origine dell'universo.

Delle tre grandezze fondamentali – tempo, lunghezza, temperatura – che regolano i ritmi della nostra vita Gino Segrè è particolarmente affascinato dalla temperatura, la più sfuggente ma anche la più rivelatrice.

Regoli e orologi esistono da tantissimo e la nostra concezione quotidiana della lunghezza e del tempo non è mutata in modo apprezzabile nel corso dei millenni, mentre la nostra capacità di misurare la temperatura risale a pochi secoli fa e alcuni degli sviluppi legati a tale misurazione sono recentissimi.

In Una questione di gradi l’autore analizza la temperatura nella sua stretta connessione sia con la vita sia con la materia inerte e se ne serve come filo conduttore per studiare molti aspetti della scienza.

Comincia con il chiedersi perché la temperatura corporea degli esseri umani sia costante indipendentemente dal luogo in cui vivono, indaga il ruolo del calore nella nascita dell’universo e l’influenza del clima nell’evoluzione del nostro pianeta, cerca poi di scoprire i meccanismi di sopravvivenza di alcuni batteri che tollerano temperature altissime o gelide, approfondisce il problema dell’origine del calore solare e infine affronta il tema della meccanica quantistica, vista naturalmente sotto il profilo della temperatura, e quindi i problemi dello zero assoluto e della superconduttività.

Felice sintesi di scienza, storia e immaginazione, il libro introduce piacevolmente alle più importanti questioni scientifiche dei nostri tempi.

Filippo Zolezzi