Grande Guerra e Alpini

1914. L'anno che ha cambiato il mondo

Collana: I Leoni

Autore: Jean-Jacques Becker

ISBN 88-7180-608-2

Euro 24,00

Formato: 14 x 21 cm

Pagine: 352

Editore: Lindau

 


 

1914. L'anno che ha cambiato il mondo

Jean-Jacques Becker

Lindau

 

la copertina

La Grande Guerra, primo conflitto globale a tal punto di valere la denominazione di I guerra mondiale, è sicuramente il conflitto che ha maggiormente infiammato l'anima dei popoli specie europei, un evento che si è impresso nei cuori della gente europea più di qualunque altro e anche Alpinia dedica ad esso e agli Alpini una specifica sezione bibliografica dedicata.

Questo 1914. L'anno che ha cambiato il mondo è l'interessantissimo saggio di Jean-Jacques Becker, illustre insegnante di Storia Contemporanea al'Università di Parigi, nel quale l'autore cerca di fare un'accurata analisi storica dei fatti che hanno portato all'accendersi di questo conflitto.

Egli cerca di allontanare e svelare pregiudizi e luoghi comuni, che per decenni sono gravati sulla nascita di questa guerra come un'impenetrabile cappa di nebbia.

Il primo di essi è che questo conflitto fosse inevitabile e perciò le nazioni non potessero opporvicisi, il secondo è la sottovalutazione della sua gravità e durata, si pensava infatti a una guerra brevissima e forse di teatro regionale, come le campagne militari precedenti, senza pensare al nuovo sentimento nazionalistico dei popoli europei, invece vi furono milioni di vittime, in un conflitto mai visto e senza precedenti.

Becker fa una ricostruzione dei fatti precisa e meticolosa, analizzando documenti, a volte sottovalutati e considerando la mediocrità dei politici e dei regnanti che non seppero valutare e preveder un conflitto tanto immenso e terribile, confrontandosi in una sorta di Risiko militare, dove le pedine sono state, purtroppo i milioni di vittime.

Filippo Zolezzi