Storia Cultura Etnografia

Le pile nel Ticino

Die Tessiner Gerstenstampfe

Collana: Il Pellegrino

Autore: Cornelia Ammann

ISBN 88-8281-191-3

Euro 14,84

Formato: 13 x 21 cm

Pagine: 112

Editore: Dadó Armando

 

  Home Editoria


 
 

Le pile nel Ticino

Die Tessiner Gerstenstampfe

Cornelia Ammann

Dadó Armando

 

la copertina

Avere pila e mulino nei Grigioni svizzeri equivaleva ad essere ricchi, essere benestanti e possedere il necessario per la lavorazione dei materiali e per l'affitto degli strumenti necessari alla trasformazione alimentare.

Le pile qui descritte sono mortai di pietra monoblocco, incastonati in qualche muro di abitazione, o con varie bocche situati in cortili se azionati a mano o a pedale, o vicino a piccoli canali se funzionanti con la forza idraulica.

Servivano per polverizzare materiali vari, per brillare l'orzo e i semi di lino, per togliere vla buccia alle castagne, usati a mano, a pedale o ad acqua, copie in grande dei mortai liguri.

Questo interessantissimo libro descrive il loro uso e riporta quelli ancora visibili nel Canton Ticino, nelle varie tipologie e in discreta o buona condizione di conservazione.

L'opera ha quale scopo principale quello di portare a conoscenza di un pubblico più vasto il tipo di utilizzo, la diffusione, la morfologia, le tracce sul territorio, le proprietà, le datazioni e altre notizie su questo importante strumento del passato, oggi spesso ignorato e privato del suo giusto valore storico.


Filippo Zolezzi