UNCEM Notizie

Periodico mensile dell'Unione Nazionale Comuni Comunità Enti montani

Dir. Resp.: Enrico Borghi

mensile

distribuzione principale: solo abbonamento

prezzo: euro

Editore: UNCEM

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

UNCEM Notizie
Periodico mensile dell'Unione Nazionale Comuni Comunità Enti montani
mensile
numero di
gennaio 2007

SOMMARIO


Istituzioni
Finanziaria, il governo mantiene gli impegni con UNCEM
CTIM relazione Stato Montagna
Giornata Internazionale della Montagna a Villa Madama
Clima, L'Italia rischia di pagare il 30% costi Europa
Enrico Camanni, dagli Stati Generali affiora una montagna alternativa
Le norme. Riordino servizi pubblici locali
Notizie dal territorio
Parma Est. Nasce il distretto turistico
UNCEM ed EURISPES Toscana per la crescita del territorio montano
Concorso giornalistico internazionale
Montagna futura. Le opportunità del Mercato Elettronico per gli acquisti pubblici
Europa
Il programma dell'Unione Europea per l'anno 2007
Il FORMEZ per gli Open Days di sviluppo locale

 

la copertina
Enrico Borghi, Presidente UNCEM
Un anno impegnativo
L'anno nuovo che si apre prospetta di fronte a sé un'agenda impegnativa per la montagna italiana e per le sue istituzioni. La Finanziaria appena varata ha portato con sé uno stanziamento triennale significativo per la parte corrente delle Comunità Montane, condizione che da un lato sgombra il campo circa carsiche tentazioni di rimetterne in discussione l'esistenza e dall'altro consente di potersi concentrare con maggiore serenità sulle modalità di una loro riforma.
Infatti, il Codice delle Autonomie terrà banco per tutto l'anno e a questo appuntamento l'Uncem vuole arrivare con le idee chiare, con proposte innovative e con idee di riforma dell'ente Comunità Montana per costruire una governance nella quale i piccoli Comuni possano realmente essere i soggetti in grado di esercitare i presupposti di sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione che la Costituzione assicura a tutte le municipalità.
A trentacinque anni dal varo della legge 1102, quindi, sono maturi i tempi da un lato per una serena riflessione su quanto è stato compiuto e dall'altro di come si debbano adeguare i meccanismi di governo delle aree montane.
Mettendo tutto questo a regime, in un quadro di armonizzazione tra la scrittura del nuovo Codice delle Autonomie e la predisposizione della nuova Legge della Montagna.
Gli Stati Generali della Montagna di Torino hanno investito l'associazione dell'onere di predisporre proposte, canovacci legislativi e bozze di riforma. Secondo il presupposto che le vere riforme si fanno partendo dal basso, dai territori e dall'ascolto delle persone.
Proprio per questo la giunta dell'Uncem, nella sua riunione prenatalizia, ha deciso di avviare un largo e approfondito confronto con tutta la base associativa, che la vedrà impegnata per tutto il 2007 e che vedrà - con il forte coinvolgimento delle delegazioni regionali -appositi momenti di confronto con i Sindaci, i Presidenti delle Comunità montane, gli amministratori e i funzionari degli enti locali per costruire insieme a loro le proposte di riforma e le modalità con le quali approcciarci alla "Conferenza Programmatica Uncem" nella quale saranno formulate le ipotesi legislative di riforma avanzate da Uncem stessa e messe a disposizione di governo, parlamento e regioni.
Sarà un anno impegnativo, dunque.
Ma l'esperienza di questi anni insegna (non ultimi gli Stati Generali e le conclusioni di una Finanziaria modificata strada facendo) che quando la montagna non si chiude a riccio in un'autocommiserazione, ma rilancia proposte, idee e suggestioni in un quadro di forte unitarietà dell'associazione, i risultati possono anche arrivare.
Con l'impegno, per l'appunto, di ciascuno e di tutti. Buon anno, dunque.

Enrico Borghi PRESIDENTE UNCEM

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi