Rivista della Montagna

sentieri & Avventura

Dir. Resp.: Roberto Mantovani

bimestrale

ISSN: 770393-421003

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,50 euro

Editore: Vivalda Editori

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Rivista della Montagna
sentieri & Avventura
bimestrale
numero di
febbraio 2007

non solo sci

SOMMARIO


L’Argomento. Il primo tunnel di base delle Alpi di Furio Chiaretta
Il nuovo traforo ferroviario del Lötschberg, sulla linea del Sempione.
Roberto Ghidoni, il lupo che corre di Franco Michieli - Il campione silenzioso dell’Iditarod in Alaska.
Winterwanderwege di Furio Chiaretta e Stefano Ardito
Gli itinerari battuti sulla neve, per camminare d’inverno senza sci e senza racchette
Gemmipass di Furio Chiaretta
Tra Kandersteg e Leukerbad, un winterwanderweg sopra i 2000 metri.
L’Auberge di Guy de Maupassant Un racconto del grande narratore francese nell’Oberland.
Saint Barthélemy, la montagna delle stelle di Furio Chiaretta e Gian Luca Boetti Ciaspole e fondo, partendo dall’osservatorio astronomico della Vallée.
Antholzer Tal, tutto in una valle di Grazia Bordini
Sport invernali alternativi allo sci alpino in Valle Anterselva.
Armin Zöggeler, gigante dello slittino di Stefano Ardito e Enrico Lodi Intervista al campione olimpionico altoatesino.
Slitta, ebrezza bianca di Augusto Golin Uno sport invernale poco noto fuori dall’Alto Adige.
Tutto da imparare: la slitta.
L’uragano Jennifer di Carlo Caccia L’inconsueto percorso sportivo di un’atleta olimpionica del bob.
Fuoricampo Valle Varaita, tempo di Baìo di Maurizio Dematteis e Giorgio Bernardi Scialpinismo sullo sfondo della più celebre festa occitana.
Trovarobe: Ski test 2006/2007

 

Roberto Ghidoni, il lupo che corre
Da leggere e per camminare. Oggi le riviste si sfogliano distrattamente, di rado si usano per documentarsi. Noi abbiamo scelto di rispondere alla crisi delle testate di carta (causata da Internet) proponendo una Rivista della Montagna soprattutto da leggere. Ovviamente abbiamo mantenuto le schede informative dedicate agli itinerari (che non sempre si trovano nei siti della rete), ma abbiamo scelto di sviluppare approfonditi “sentieri di lettura”.
Così in questo numero si potrà partire dalla scoperta dei winterwanderwege, gli itinerari battuti nella neve da percorrere senza attrezzi, quindi se ne potrà conoscere uno particolarmente bello tra le Alpi svizzere, ritrovando nelle pagine successive un racconto di Guy de Maupassant ambientato in quel luogo.
Tornando alle rubriche di attualità, si potrà poi avere notizia dell’imminente apertura del primo tunnel ferroviario di base delle Alpi, proprio sullo stesso asse di transito tra Oberland e Vallese. Un altro itinerario di lettura parte dal campione olimpionico di slittino Armin Zoggeler, passa alla scoperta di questo sport, popolarissimo nelle Alpi di lingua tedesca e ignoto altrove, lo approfondisce con alcune belle e facili piste da slittino e con le tecniche per praticarlo, continua con l’intervista a Jennifer Isacco, campionessa di bob a due, e si conclude in una valle altoatesina in cui si possono praticare quasi tutti gli sport invernali differenti dallo sci.
Valle Varaita, Sampeyre la Baìo
Infatti il filo conduttore del numero è “Non solo sci”, un tema che si spinge oltre gli abusati stereotipi che rappresentano la montagna invernale come un unico, immenso domaine skiable. Un invito a volgere lo sguardo verso altre attività ampiamente praticate all’estero e quasi ignorate in Italia, con la lodevole eccezione del Sudtirol.
Così per non peccare di esterofilia abbiamo dato largo spazio alla provincia di Bolzano, e poi siamo tornati nelle Alpi occidentali, con l’esperienza di Saint Barthélemy, che ha rilanciato il turismo grazie al suo osservatorio astronomico.
Da questo numero, oltre ai cambiamenti nelle rubriche, abbiamo introdotto anche un’altra novità: il “fuoricampo”; ovvero almeno un articolo staccato in modo netto dal tema del filo conduttore. Stavolta, ad esempio, dopo essersi informati su tutto ciò che d’inverno si può fare con gli sci gli appassionati di scialpinismo troveranno una scelta di gite con le pelli di foca in una delle più interessanti valli occitane del Piemonte. E subito dopo potranno consultare lo ski test, con le prove dell’équipe coordinata da Giorgio Daidola. Saremo lieti di conoscere i vostri giudizi sui contenuti della Rivista, sulle innovazioni grafiche, sulla scelta di parlare – a seconda delle stagioni – del mondo dei sentieri e della neve.

di Roberto Mantovani e Furio Chiaretta

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi