ALP

Dir. Resp.: Linda Cottino

mensile

ISSN: 771722-782000

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,50 euro

Editore: Vivalda Editori

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

ALP
mensile
numero di
dicembre 2007

SOMMARIO


UNA SPLENDIDA GIORNATA a cura di Paolo Campagnoli
EXPLOIT - Silvia Vidal, regina dell’artificiale
CRONACHE DELLA LIBERA - Coppe e campionati d’Italia
SUCCEDE NEL MONDO - L’anno che verrà a cura di Simone Bobbio
CULTUREMEDIA - Tutte le Alpi dalla A alla Z a cura di Linda Cottino e Lorenzo Scandroglio
FOCUS SARDEGNA
L’arte (pulita) di salire in alto a cura di Riky Felderer
Hotel Supramonte di Andrea Gallo
Mezzogiorno di fuoco di Riky Felderer
E non la vogliono capire di Fabio Palma
Amico fragile di Riky Felderer
Nell’era moderna dei multipitches di Maurizio Oviglia
Ulassai, arrampicata e arte di Maurizio Oviglia
Intervista a Maria Lai di Cecilia Marchi
IL PERSONAGGIO Lynn Hill
LAGORAI Sorgazza,passioni di montagna
MISTO Scottish Style di Luca Maspes
SCIALPINISMO Ski alp by night di Lorenzo Scandroglio
ANNIVERSARI Centocinquant’anni di Alpine Club di Stefano Ardito e Roberto Mantovani
DR. ALP - Distorsioni? Tra un po’ avrai male all'anca
LUOGHI NON TANTO COMUNI - La Zuffa-Ruggiero (e altre vie) alla Pietra di Bismantova di Alberto Paleari
COMICS - Come mai i neri non arrampicano di Paolo Cossi e Andrea Gobetti

 

Il nuovo logo di ALP
DICEMBRE. Il laboratorio delle idee tocca quota dodici mesi. Ed eccoci quindi al passaggio chiave. In qualche editoriale di questo 2007 lo avevamo esplicitato, che ci saremmo presi un “tempo temporaneo” per provare a capire come parlare di alpinismo, e più in generale di verticale, ritornando a immergerci nel gran calderone del magazine d’attualità dopo ben dieci anni (e oltre la “riserva protetta” delle monografie). Dieci anni che sono un’era geologica nel mondo dell’informazione. Due parole chiave su tutto: internet e free press. Che poi si tramutano in domande che si agitano, e agitano i sonni di chi deve misurarsi con l’edicola, nel contesto di un’editoria periodica specializzata e di qualità. A quante fonti d’informazione possiamo accedere oggi? Innumerevoli.
Beh, lo diciamo subito, il ciclo si conclude con questo numero che avete per le mani; un’avventura in piena regola, con le sue incognite e i suoi imprevisti, e con tanto di tempeste alternate a cieli più sereni. Le invettive, gli apprezzamenti, le sciabolate e le carezze arrivate in questo tempo ci hanno aiutato a maturare dei pensieri. Ed è delle conseguenze di questi pensieri che vi vogliamo parlare.

Nel 2008 raddrizziamo la via.
Innanzitutto, si torna al caro vecchio amato logo, con la scritta ALP tutta in maiuscolo. Dopodiché, i numeri magazine saranno 6 e usciranno i mesi pari -febbraio, aprile, giugno, agosto, ottobre e dicembre - mentre i mesi dispari (eccetto gennaio) usciranno 5 monografie; di queste, due saranno dedicate alle Grandi Montagne, altre due ai ritratti dei grandi protagonisti dell’alpinismo e una alla grande fotografia - verticale, ma anche di reportage dai luoghi della wilderness e dell’avventura.
Ma non è tutto. Da gennaio ALP sarà anche sul web. A far da fratello gemello del giornale. Non quindi un sito d’informazione tout-court, ma un compagno di corda; che sopperisca là dove i tempi lunghi della carta non arrivano, che metta in movimento contenuti altrimenti più statici, che intervenga all’ultimo minuto o invece lavori di archivio.
Insomma, la nostra idea è quella di creare un “sistema” ALP. Dove il magazine affronta l’attualità come approfondimento e proposta - di lettura critica, di percorsi, di personaggi, di tendenze o di rivisitazioni - e la monografia lavora sui luoghi, sui ritratti e sull’immagine fotografica con la cura e la passione consolidate in questi anni.
Intanto, in quest’ultimo numero datato 2007, vi presentiamo un Focus sulla Sardegna. In particolare su un poker di classiche d’autore che hanno fatto dell’isola il laboratorio del difficile e delle aperture “pulite”. Con un eccezionale e inedito racconto su arrampicata e arte, accompagnato dall’intervista alla nota artista contemporanea sarda Maria Lai.
E continuano i viaggi di Luca Maspes, che dalle rocce mediterranee ci fa sprofondare in pieno inverno col suo Scottish Style, appreso in occasione dell’incontro internazionale che il British Mountaneering Council organizza ogni due anni, in questo caso, appunto, sul misto scozzese. Sempre dalla “perfida Albione”, il compleanno dell’Alpine Club, che accende 150 candeline. Ed è ancora inverno sui Lagorai, dove, tra Cima d’Asta e Sorgazza, si annidano percorsi scialpinistici e cascate di ghiaccio da brivido. Infine, per concludere con la neve, una panoramica sul calendario di gare notturne di scialpinismo che da qualche anno spopolano ovunque sulle Alpi.

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi