QUOTA 864

Quaderni di vita di montagna

Dir. Resp.: Paola De Filippo Roia

semestrale

distribuzione principale: solo abbonamento

prezzo: 2,50 euro

Editore: CAI Sezione Auronzo

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

QUOTA 864
Quaderni di vita di montagna
semestrale
numero di
marzo 2006

la copertina, Tre Cime di Lavaredo, cima Ovest
SOMMARIO


La montagna passato che si presenta nel futuro

La montagna. Quale futuro

Il bosco dei mille larici

Il tabià

I folletti di Val d'Ansiei

I 70 anni della nord della Cima Ovest di Lavaredo

Lassù possiamo saziarci di tutto ciò che è puro

Dell'abbandono di tante vie classiche

Via "Miriam" sulla Torre del Grande d'Averau

La Magnifica Comunità e il CAI di Auronzo

Scoglio San Marco

GFM- Gruppo Filatelici di montagna

 

Come tutte le riviste di sezione, anche Quota 864 si presenta come diario di bordo: in essa convergono le esperienze dei soci: viaggi, spedizioni, emozioni, storia, ricordi di amici scomparsi, un vero e proprio album di famiglia in cui é bello rispecchiarsi, ma dire rivista di sezione é limitante, infatti QVOTA 864, va ben oltre i limiti, pur lusinghieri, di questo tipo di periodici: essa interessa chiunque sia appassionato di vicende alpine e della storia dell'alpinismo in ogni sua forma.

Il sottotitolo della rivista "Qvaderni di vita di montagna" ne illustra benissimo lo spirito, in essa si possono trovare argomenti molto interessanti e ben svolti, di varia argomentazione ma sempre in tema...

Osserviamo al centro della pubblicazione alcune pagine gialle... sono la riproduzione di bollettini storici, quindi un tuffo nella storia di questa sezione gloriosa, ma anche nella storia dell'alpinismo!

Ricordiamo infine che il CAI Auronzo ospita il Gruppo Filatelici di Montagna e anche Qvota 864 dedica un'ampia sezione a questo gruppo: le spedizioni, le conquiste vengono riviste e studiate attraverso emissioni filateliche, annulli postali, cartoline viaggiate e altro in una singolare ma notevole parata.

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi