Rivista della Montagna

sentieri & Avventura

Dir. Resp.: Furio Chiaretta

bimestrale

ISSN: 770393-421003

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,50 euro

Editore: Vivalda Editori

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (29)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (4) >>
378 Recensioni
 

Rivista della Montagna
sentieri & Avventura
bimestrale
numero di
marzo 2010

Speciale neve



La Vivalda Editori sta attraversando un momento che dall'esterno è di difficile interpretazione: le edizioni sono ferme, i collaboratori storici stanno andando via, o sono già andati. Noi di Alpinia pensiamo che tutto questo sia molto triste e che costituisca un impoverimento enorme del mondo dell'editoria di montagna, infatti CDA e Vivalda hanno rappresentato e rappresentano un tassello insostituibile e una risorsa alla quale sembra impossibile poter rinunciare. Ci auguriamo che sia una fase di riflessione e ristrutturazione dalla quale questa Editrice possa risollevarsi al più presto, ne abbiamo tutti bisogno e desiderio!
Vi presentiamo questo numero speciale della RdM, sperando che non sia l'ultimo... (Alpinia)


SOMMARIO
L'ARGOMENTO I Presidi Slowfood che proteggono i prodotti tipici sono un valido aiuto per l'economia montana
SPECIALE NEVE
LE LUCI DELLE NEVI La neve, un dono del cielo che il businness ricrea artificialmente trasformando le nostre montagne in un immenso frigorifero
VAL SARENTINO Alle porte di Bolzano, una valle che ha saputo mantenere intatte le tradizioni e che offre molti itinerari per scialpinismo e ciaspole
SOLDA, LA SIBERIA DEL TIROLO La quota elevata e la neve abbondante fanno di Solda un microcosmo ideale per lo scialpinismo e le discese fuoripista
UN'ALTRA BADIA Il Passo delle Erbe, raggiungibile d'inverno solo dalla Val Badia, offre un ambiente tranquillo per escursioni con le ciaspole e gli sci.
SCI DI FONDO E CIASPOLE IN VALMALENCO Nel cuore della Valtellina, alle piste da sci si sono affiancate tre piste da fondo e diversi itinerari per racchette e fondo escursionismo
CHENEIL, LA CONCA DEL TEMPO SOSPESO A pochi passi dai condomini di Cervinia, un vallone privo di impianti di risalita e raggiungibile solo a piedi, dove andava in vacanza Lalla Romano
APPENNINO REGGIANO, MONTAGNE VERE PER I RAMPONI Un affascinante microcosmo bianco che diventa un terreno di gioco impegnativo, dove spesso piccozza e ramponi devono sostituire ciaspole e bastoncini
FONDO & RAMPONI ALLA SIBILLINA Sul "piccolo Tibet" dei Monti Sibillini, da una parte gli altopiani per escursioni con gli sci da fondo, dall'altra le cime da raggiungere con piccozza e ramponi
TUTTO DA IMPARARE Appennino d'inverno: consigli e precauzioni per affrontare in sicurezza escursioni e salite nel particolare ambiente dell'Appennino

 

RdM, una splendida quarantenne

Quarant'anni sono una bellissima età per una rivista. RdM è nata nel giugno del 1970 e avrei dedicato volentieri questo editoriale al prossimo compleanno della Rivista, e alle sue future prospettive. Invece devo salutare i lettori, poiché non mi è stato rinnovato il contratto per il 2010. Ed è stata interrotta anche la collaborazione della validissima redattrice Renata Germanet.
Di fatto la redazione di RdM è stata azzerata e cancellata, e quindi non so dirvi se e in quali forme la Rivista della Montagna continuerà ad uscire. Eppure nell'ultimo anno le vendite in edicola e le entrate pubblicitarie di RdM erano cresciute, forse anche grazie alle nuove scelte editoriali e alla notevole qualità degli ultimi numeri e articoli usciti sulla Rivista, frutto del notevole lavoro svolto dai nostri validissimi collaboratori.
Ai 44 matti - giornalisti e fotografi - che abbiamo ricordato nel paginone di RdM 300, si erano aggiunti recentemente altri autori, come Andrea Greci, Livio Piatta, Eliana e Nemo Canetta, Luca Re, Marcello Cominetti e Marta Trucco, Roberta Ferraris, Natalino Russo, Luca Gianotti, Alberto Conte (a questi ultimi, insieme a Fabrizio Ardito, si deve uno dei numeri più interessanti dello
scorso anno, il 301 dedicato alla Via Francigena).
Insomma,più di 50 collaboratori che ringrazio per il lavoro svolto e con cui avrei voluto continuare a lavorare, per scoprire e far conoscere tutti gli aspetti dell'escursionismo e del viaggio a piedi.
Ovviamente in redazione sapevamo delle difficoltà economiche della casa editrice e delle testate.
Una situazione comune a tutto il mondo dell'editoria cartacea, dovuta alla situazione generale di crisi, alla concorrenza del web, alla difficoltà di avere prestiti dalle banche (proprio le banche a cui si deve gran parte della responsabilità della crisi finanziaria esplosa nel 2008).Ma fino a poco prima di Natale nulla lasciava immaginare le ultime decisioni editoriali e il precipitare della situazione (mi scuso con gli abbonati per il mancato preavviso, ma nessuno di noi poteva presagire gli ultimi eventi).
Da parte mia sono felice di aver condiviso con voi la bella esperienza di questi anni passati con RdM, e ho intenzione di proseguirla con nuovi percorsi e su altri media.
A tutti i lettori l'augurio di un buon 2010.
Furio Chiaretta

Comunicazione dell'editore

È proprio così, la situazione generale dell'economia e quella particolare dell'editoria ci costringe alla fine a ripensare e rimodulare le scelte sui nostri prodotti in edicola. Dopo aver mantenuto pressochè immutato per lunghi anni l'assetto editoriale delle testate e della struttura della Vivalda Editori, si è giunti ad un punto in cui non è più possibile rimanere fermi di fronte alle mutazioni del mercato, alle nuove condizioni dei conti economici, allo scenario complessivo della comunicazione.
Per questo possiamo dire che non si tratta di un abbandono ma di un cambiamento, così come avviene nelle fasi della vita di ciascuno di noi. Troveremo il modo di presentare i tradizionali argomenti fin qui trattati in RdM sotto nuove forme e contenitori. E non si partirà da zero: il lavoro fatto sin qui è il miglior presupposto per impostare nuovi progetti. È stato un ottimo lavoro, professionale e puntiglioso come non ce ne sono altri sul mercato italiano. Non basta ringraziare i collaboratori: stiamo lavorando per trovare il modo di continuare ad essere degni di mettere a frutto le loro competenze. Tutto quanto con un solo pensiero e un solo obiettivo: servire al meglio il pubblico dei lettori, l'unico vero punto fermo degli editori. L'editore

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi