Meridiani Montagne

Dir. Resp.: Marco Albino Ferrari

bimestrale

ISSN: 9-771721-507000

distribuzione principale: edicola

prezzo: 7,50 euro

Editore: Editoriale DOMUS

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Meridiani Montagne
bimestrale
numero di
maggio 2011

Dolomiti - Alta Via n°1

SOMMARIO


Premessa L’invenzione delle Dolomiti
Introduzione 1966 nasce l’Alta Via...
Echi con variazioni sul tema
Reportage Il lungo cammino
Biblioteca
Ferrate Digressioni ferrate
Inchiesta Dolomiti marketing...
Cinema Film dolomitici
Lo scaffale 50 numeri
Dietro le quinte
Cucina Cuore di pane
Guida
Il prossimo numero

 

Nel 2009 le Dolomiti sono entrate fra i beni tutelati dall’Unesco. Ma lo status di “monumento naturale” – è importante ricordarlo – viene attribuito esclusivamente alla parte in quota, quella rimasta preservata dal cemento. Ossia le rocce e le maggiori elevazioni. Dolomiti patrimonio dell’umanità, ma solo per le particolari conformazioni geologiche, per gli altipiani pietrosi, per le rocce, per le pareti. I fondovalle no, troppo sfruttati dal turismo, così hanno decretato i 21 membri giudicanti. Conseguenza del riconoscimento è stata la nascita della Fondazione Dolomiti-Unesco, che ha creato un discusso marchio (anche se oggi in parte rinnovato, vedi pag. 109). «Essere titolari del marchio Unesco per le Dolomiti» si legge nel sito della Fondazione, «permetterà anche di valorizzare ulteriormente le eccellenze della zona che sono l’ospitalità, l’enogastronomia e i sevizi per il turista». Così però le offerte turistiche sono diventate le «eccellenze», le rocce e il patrimonio geologico sembrano passare in secondo piano. Per festeggiare la cinquantesima uscita della raccolta, Montag ne propone un numero speciale sull’Alta Via n° 1. Un itinerario di incomparabile valore naturalistico e culturale, che quando venne aperto nel 1966 (vedi pag. 12) contribuì a dare una nuova consapevolezza ai visitatori di quest’area alpina. Una viaggio, sulle pagine della rivista e poi sul sentiero, che ci permetterà di rimanere in quota, proprio in quei luoghi che sono stati considerati preziosi e da difendere. Luoghi che abbiamo interrogato per ricostruire “a mosaico” l’immenso patrimonio di memorie e di vicende umane che ha fatto delle Dolomiti il Grande Edificio della cultura alpina europea.
Marco Albino Ferrari

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi