Montebianco

Dir. Resp.: Sara Bovo

mensile

distribuzione principale: edicola

prezzo: 5.00 euro

Editore: Leditore

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Montebianco
mensile
numero di
giugno 2011

Arrampicare è un plaisir

SOMMARIO


SUSCI
LETTERE AL DIRETTORE
FOCUS ON...
EVENTI
@MOUNTAIN
CULTURA
FOOD&DRINK
ECOMOUNTAIN
BENESSERE
CURIOSITÀ
MOUNTAIN RESCUE
KIDS
TAKE IT EASY
SCI ESTIVO COME NEVE AL SOLE
LA PROVA DEL FUOCO
TRENTO BONDONE
PIROVANO STELVIO
VALCHIAVENNA
SAAS FEE
PLAN DE CORONES
GRINDELWALD
TERNI
HI-TECH LA SPORTIVA
SPECIALE ZAINI
IN MOTION MERCEDES CLASSE G
NOMI E NUMERI

 

Alpinisti battono sciatori?
Gli azzurri dello sci vanno a scuola di comunicazione e gli alpinisti conquistano le scene dei grandi media.
Barmasse è, in pochi giorni, a Radio Dj con Linus e Nicola e sulla copertina di Sport Week, come era già successo a Simone Moro qualche mese fa.
Leo Houlding al Trento Film Festival riscuote successo con The Asgard Project e ammalia la platea con racconti che entusiasmano.
Segno che quando ci sono storie da raccontare e qualcuno che le sa raccontare, il successo è garantito.
Al pubblico piacciono i personaggi carismatici che ti prendono con le parole e le emozioni che hanno provato in cima a una montagna o in mezzo alla neve.
Caccia al personaggio che attira l'attenzione, questo il diktat di eventi, fi ere, serate, festival.
Non basta che tu sia un fenomeno in quello che fai, serve che tu lo sappia comunicare, raccontare, trasmettare a chi non lo farà mai o vorrebbe farlo.
E in questo gli alpinisti battono gli sciatori, almeno ultimamente.
Leggendo tra le righe e interpretando il successo (generalizzato e non più solo riservato alle fila degli appassionati) ci vedo un desiderio di evasione in spazi e luoghi lontani, tipico della società moderna.
Siamo abbastanza stanchi di ritmi allucinanti, frenesie varie e isterismi ipocriti. Chi non li incontra almeno qualche volta durante la settimana?
Ecco dunque la voglia di cercare nell'alpinista di turno una valvola di sfogo (anche solo virtuale, basti vedere quanti amici hanno su Facebook Moro e Barmasse...).
E gli sciatori, dove sono rimasti? Al palo, mi verrebbe da dire.

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi