Meridiani

Dir. Resp.: Remo Guerrini

bimestrale

ISSN: 9-771120-804007

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,20 euro

Editore: Editoriale DOMUS

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Meridiani
bimestrale
numero di
ottobre 2012

Toscana, beauty land

SOMMARIO


Portfolio Firenze sogna
Saperne di più Il museo che vive
Graffiti
Siena Il paradiso sotto i piedi
Pievi Per le antiche strade
Alpi Apuane/1 Pietra viva
Alpi Apuane/2 La montagna vuota
Caratteraccio Maledetti toscani
Miracoli La “banana” di Pisa
Miti Per un pugno di sigari
Stadi Casa Fiorentina
Livorno Cacciucco di genti
Vie Cave Il metrò di Porsenna
Acque All’etrusca o alla romana?
Gola I tortelli dei nomadi, le mucche degli unni
Alberi Il sacro verde
Gente Elementare, signor presidente!
Guida
Itinerari Firenze/1: arte e cultura
Firenze/2: caffè, shopping e…
Firenze/3: la notte

 

A nostra memoria è la regione d’Italia che Meridiani ha visitato più spesso, visto che in Toscana ha già compiuto ben sette viaggi. C’è rimasto qualcosa da dire? Certamente, e da questo punto di vista serve da esempio il nostro servizio d’apertura: quell’incredibile pavimento del Duomo di Siena che, d’abitudine
coperto da lastre di masonite (per proteggerlo dallo scalpiccìo di milioni di piedi), è stato svelato per qualche settimana. Eccolo a pagina 32 (nella foto a sinistra, un particolare). Ma sono tante le realtà che possono essere guardate con occhio nuovo, a prescindere dalla surreale Firenze fotografata in Hdr (e in questo caso la novità è rappresentata dalla tecnica fotografica); lo stadio Franchi, invenzione razionalista di Pierluigi Nervi, uno dei più copiati al mondo; le suggestive Vie Cave; l’antichissima cucina del Casentino. Non potevamo dimenticare le pievi medievali (spesso trascurate a fronte di tanta ricchezza architettonica regionale), le foreste (sapevate che la Toscana ha la più alta percentuale di territorio protetto?), le terme, la torre di Pisa (siamo andati a vedere come sta di salute) e Livorno, città-porto inventata dai Medici che ancora oggi si sente parte di un’altra Toscana. Infine due giochi: il viaggio nel mondo di un vanto nazionale, cioè il sigaro Toscano, e quello nel temperamento umorale di una popolazione che ha dato adito all’espressione “maledetti toscani“. Ma dev’esserci del buono in quel temperamento, se è vero che
ha fornito all’Italia una non comune varietà di persone illustri. Talvolta facciamo fatica a riempire le pagine finali, quella della Gente che ha segnato un certo territorio. Ebbene, in questo caso, l’elenco avrebbe potuto occupare tutto il fascicolo! Abbiamo fatto una piccola selezione. Gli assenti ci scuseranno.

Remo Guerrini

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi