Meridiani

Dir. Resp.: Remo Guerrini

bimestrale

ISSN: 9-771120-804007

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,20 euro

Editore: Editoriale DOMUS

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Meridiani
bimestrale
numero di
agosto 2013

Scozia

SOMMARIO


Portfolio SlÁinte!
Sláinte Di buon grado°
Atmosfere Scott’s view
Glasgow L’altra capitale
Nessie Che ci sia ognun lo dice, dove sia nessun lo sa
Scotland forever Siamo tutti Braveheart. O no?
Iona Qui riposano i re
A tavola La dieta degli immortali
Frontiere The wall
Cultura Edimburgo da leggere
St Andrews Golf
Capolavori Volete conoscere Tiziano? Venite a Edimburgo
Tartan/1 Marchio di fabbrica
Tartan/2 Il kilt al museo
Architettura Ma che bel castello
Piante La sentinella di Scozia
Aberdeen Città di granito, città dei fiori
Gente Mister football Alex Ferguson

 

Non ci siamo negati nulla, preparando questo numero di meridiani dedicato alla Scozia. Anzi, direi che abbiamo percorso quasi con compiacimento tutte le vie della banalità. Whisky, castelli, Walter Scott, Loch Ness, Highlander di ieri e di oggi, golf, tartan… e così via. E, lo confessiamo, lo abbiamo fatto con grande piacere, perché al di là di ogni stereotipo ciò che ci seduce in Scozia sono proprio queste magie: whisky, castelli, Walter Scott, Loch Ness… Ma per non rimestare troppo nel “deja-vu” i nostri inviati si sono recati sui posti, alla ricerca anche di qualcosa di nuovo, oltre che di antico. Abbiamo dunque camminato lungo la Walter Scott Way, fatto i conti in tasca a Nessie e al suo “mostruoso” business, seguito il vallo di Adriano e visitato e fotografato personalmente la Glasgow dei designer e la Edimburgo degli scrittori. Perfino, con innegabile sprezzo del pericolo, abbiamo assaggiato l’haggis. E tuttavia abbiamo riportato a casa anche qualche delizia giornalistica: per esempio la splendida raccolta di tele di Tiziano, conservate a Edimburgo senza che la maggior parte dei nostri connazionali lo sappia. Oppure la semplice pratica che consente a ciascuno – scozzese o no – di disegnare un proprio tartan e di iscriverlo allo Scottish Register of Tartans. Anche se ci si chiama Rossi, Bianchi o Verdi. Così, buon viaggio nella terra di Sean Connery.

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi