Meridiani

Dir. Resp.: Remo Guerrini

bimestrale

ISSN: 9-771120-804007

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,20 euro

Editore: Editoriale DOMUS

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Meridiani
bimestrale
numero di
aprile 2015

Milano

SOMMARIO


Portfolio Piani alti
Skyline Oltre la Madonnina
Media & dintorni
Ago & filo Glam
Brera Quadri, libri, piante e stelle
Itinerario Scerbanenco Città nera
Memorie Mediolanvm!
Stranezze? Sentirsi innamorati a Milano ...
Città al bacio
Meraviglie Caccia al tesoro!
Itinerario Jannacci Mi piacerebbe cantare ...
Stile Qui si crea
Duomo / 1 Il popolo di marmo
Duomo / 2 Migliaia di canne
Itinerario Marinetti Milano futurista
Ieri & oggi C’era una volta la fabbrica
Antiche porte Bussate e vi verrà aperto
Itinerario Marchesi Sulla via di Gualtiero
Galleria Biglietto da visita
Fotoricordo Selfie!

 

È fin troppo facile chiederselo: perché un numero di Meridiani dedicato a Milano? Certo, sta per venire il tempo dell’Expo, e ci sarà la rincorsa a riempire le edicole di giornali dedicati alla Madonnina e al nuovo ”skyline“. Ma è anche vero che soltanto una volta, nella propria lunga storia, il nostro giornale ha raccontato questa città: era il numero 12, del 1990. Dunque era indispensabile tornarci, sia per raccontarne i cambiamenti, sia per verificare quanto le radici di allora ancora affondino nel terreno. Lo abbiamo fatto. E dunque, naturalmente, ecco i nuovi grattacieli fotografati in maniera spero sorprendente (un esempio qui sopra), la moda & il design (inevitabili), le strutture avanzate che hanno preso il posto delle fabbriche del Novecento. Ma ecco anche un bel po’ di tesori da (ri)scoprire. Che, per esempio, a Milano non ci sia soltanto ”Il Cenacolo“ da visitare lo dimostra il nostro portfolio centrale, pieno di meraviglie purtroppo meno conosciute. O il viaggio fra i resti di una città romana che aveva terme, ville e stadi. O, ancora, il percorso lungo le celebri porte della città, dalla Romana ”bella“, alla Ticinese, alla Vercellina. Non dimenticando Brera, primo complesso culturale d’Italia o la scintillante Galleria rimessa a nuovo. E siccome una città si può percorrere in tanti modi, a seconda di gusti e pensieri, ecco anche una serie di itinerari tematici e con un nume conduttore e tutelare: la Milano di Marinetti e del futurismo e quella di Jannacci e della canzone popolare. Quella di Marchesi e della buona tavola e quella di Scerbanenco e del romanzo giallo. Abbiamo chiuso in controtendenza: no, non è affatto strano innamorarsi a Milano! Basta seguire l’itinerario Hayez, proprio quello de ”Il bacio“! Buon viaggio dunque, anche a chi – arrivato qui per immergersi nell’Expo – vorrà pure incontrare una città straordinaria.

Remo Guerrini

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi