Meridiani Montagne

Dir. Resp.: Marco Albino Ferrari

bimestrale

ISSN: 9-771721-507000

distribuzione principale: edicola

prezzo: 7,50 euro

Editore: Editoriale DOMUS

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (6) >>
383 Recensioni
 

Meridiani Montagne
bimestrale
numero di
maggio 2016

Monti Liguri

SOMMARIO


Echi con variazioni sul tema
Galleria I profili dei Monti Liguri
Introduzione Orizzonti cromatici
Reportage Ode ai monti
Diramazioni Le antiche vie
Verticale Rocce vista mare
Ghiaccio La “Piccola Scozia” del Mediterraneo
Avventure Prova a prendermi
Parchi L’alta via protetta
Libri Sui monti del silenzio
Guida
Vetrina
Collezione

 

Era il maggio 2014 quando Montagne pubblicò un numero dedicato all’Appennino Tosco-Emiliano e all’Alta Via dei Parchi, il lungo trekking da Berceto alle alture del Montefeltro. Quel viaggio nei boschi e sulle creste battute dal vento venne raccontato con un testo pieno di partecipazione dallo scrittore-camminatore bolognese Enrico Brizzi. E oggi, a distanza di due anni, ritorniamo sempre in compagnia di Brizzi su quelle stesse rotte seguendone l’ideale continuazione. I Monti Liguri sono segnati da una dorsale netta che corre lungo tutto l’arco della regione, e si interrompe in un solco divisorio sopra Savona, dove terminano le Alpi e iniziano gli Appennini. Quando nel 1983 venne inaugurata, l’Alta via dei Monti Liguri apparve un percorso logicissimo, che cavalcava per intero quelle dorsali con un unico sentiero-belvedere fino a Ceparana, non lontano dal punto d’inizio dell’odierna Alta Via dei Parchi. È un viaggio particolare, dai contrasti nettissimi tra la pianura e il mare, dove il tempo atmosferico è dato dagli scontri improvvisi di masse d’aria di temperatura e umidità diverse che creano effetti stranianti, sbuffi di nuvole, galaverne, cieli talmente limpidi da far scintillare le Alpi a distanze inverosimili. Non c’è altro luogo dove la cresta principale del sistema alpino-appenninico si avvicini così al mare: in alcuni tratti meno di cinque chilometri dalle cime alle spiagge. L’immagine «tra aquile e balene», divenuta ricorrente, non è affatto forzata: stando sotto il volo concentrico di un’aquila, si potrebbe avvistare con un po’ di pazienza e con un potente binocolo lo sbuffo di uno dei numerosi cetacei che frequentano il Mar Ligure. L’AVML è lunga 440 chilometri, che noi, per uniformità con i nostri standard di impegno giornaliero, abbiamo suddiviso in 23 tappe. Ma che possiamo affrontare interrompendola a piacere, seguendo magari qualche digressione sull’affascinante rete di antichi sentieri che l’attraversano

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi