Meridiani

Dir. Resp.: Remo Guerrini

bimestrale

ISSN: 9-771120-804007

distribuzione principale: edicola

prezzo: 6,20 euro

Editore: Editoriale DOMUS

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Meridiani
bimestrale
numero di
giugno 2018

Islanda

SOMMARIO


Portfolio Di ghiaccio e di fuoco
Vulcani Il vagito del pianeta
Media & dintorni
Il tempo che fa…
La capitale Metropoli tascabile
Portfolio Di ghiaccio e di fuoco
Vulcani Il vagito del pianeta
Media & dintorni
Il tempo che fa…
La capitale Metropoli tascabile
Calcio StrÁkarnir okkar
Geopolitica Il bello di starsene lassù
Aurora boreale Il sipario smeraldo
Cultura L’isola che scrive
Fauna/1 Morbidi ma duri
Fauna/2 Il popolo migratore
Buon appetito Un assaggino di squalo marcio?
Golden circle Il cerchio d’oro
Scacchi Attrazione fatale
Bagni Hot pots
Radici Romani? chissà Vichinghi? Di sicuro
Moda Tricot artico
Turf house Il prato sul tetto
Groenlandia Grandissima,bianchissima, freddissima
UNTO '>Calcio StrÁkarnir okkar
Geopolitica Il bello di starsene lassù
Aurora boreale Il sipario smeraldo
Cultura L’isola che scrive
Fauna/1 Morbidi ma duri
Fauna/2 Il popolo migratore
Buon appetito Un assaggino di squalo marcio?
Golden circle Il cerchio d’oro
Scacchi Attrazione fatale
Bagni Hot pots
Radici Romani? chissà Vichinghi? Di sicuro
Moda Tricot artico
Turf house Il prato sul tetto
Groenlandia Grandissima,bianchissima, freddissima

 

C’è nel mondo un (piccolo) Paese dove ti svegli al mattino, apri la finestra e ti accorgi che in giardino sta crescendo un vulcano che la sera prima non c’era. Dove ogni notte il cielo si trasforma in un immenso sipario ondeggiante di smeraldo, di porpora, di lapislazzuli. Dove nei ruscelli scorre acqua calda, e sui tetti delle
case cresce l’erba. Dove ogni cento abitanti ci sono 5 scrittori (e i lettori sono di conseguenza) e 7 ragazzi che giocano al calcio, regolarmente tesserati. Dove ogni anno, a marzo, tutti guardano l’orizzonte per scorgere il primo piviere dorato che arriva volando dall’Africa, e solo in quel momento è ufficialmente primavera (e per dare la notizia si interrompono le trasmissioni). Dove c’è il sole a mezzanotte e la luna a mezzogiorno. Dove i vichinghi li puoi incontrare a ogni angolo di strada, e troll, gnomi e streghe hanno disegnato il paesaggio. Dove non c’è mai stata la guerra e in tavola si portano fettine del più grasso squalo del mondo. Dove su spiagge nere di lava brillano diamanti di ghiaccio, e colonne di basalto sono come canne di colossali organi pronte a cogliere e diffondere il suono del sottosuolo più giovane del pianeta, in un eterno ribollire. Dove grotte gelate grandi come cattedrali si aprono e si richiudono nel corso di una stagione, simili ad antri fatati e luccicanti. D’altra parte da qui – come ci raccontò Jules Verne – puoi iniziare un viaggio che ti porta al centro della Terra. Stiamo sfogliando un libro di favole? No. Benvenuti in Islanda.

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi