Lo Scarpone

Notiziario mensile CAI

Dir. Resp.: Pier Giorgio Oliveti

mensile

ISSN: 1590-7716

distribuzione principale: solo abbonamento

prezzo: euro

Editore: CAI Club Alpino Italiano

 

  Home Editoria

le Testate che collaborano (31)>>
I PERIODICI IN EDICOLA (5) >>
381 Recensioni
 

Lo Scarpone
Notiziario mensile CAI
mensile
numero di
dicembre 2006

Imprese dell'altro mondo

SOMMARIO


Un CAI da sfogliare in 600 periodici (e più)
Scalate dell’altro mondo. Con la benedizione di Don Bosco
La nuova rete escursionistica toscana è realtà
Alpinismo ed effetto serra, un tema “caldo”
All’inferno e ritorno: quattro giorni in un crepaccio
Le suole Vibram compiono settant’anni
Nuova vittoria per i ragazzi guariti dalla leucemia
Cinquanta esperti al summit dela sicurezza
La lezione di Germagnoli

 

la copertina

Editoria del CAI, un vasto arcipelago cartaceo
Una cultura dell’informazione è quanto il CAI persegue fin dalle origini, come testimonia l’impegno del fondatore Quintino Sella che nel 1863 diede vita al Club alpino anche nella prospettiva di scendere in campo nel settore delle pubblicazioni. Oggi sul fronte dell’editoria la rete Bibliocai delle biblioteche sezionali e la Biblioteca nazionale nella sua moderna sede al Monte dei cappuccini di Torino sono impegnate in un grande censimento delle pubblicazioni periodiche. Un impegno encomiabile. Di bollettini, notiziari, annuari ne sono stati finora catalogati 620 editi da 300 sezioni del Club alpino. Ma diverse altre sono le testate ancora da censire, parecchie delle quali diffuse attraverso la rete di Internet. Di questo impegno è testimonianza il fascicolo di dicembre del notiziario ufficiale Lo Scarpone che in uno speciale dossier approfondisce i non pochi problemi della catalogazione, conservazione e consultazione dei periodici. Le testate più antiche? Nell’ormai lontano 1874 la Società Alpinisti Tridentini (che allora tuttavia non faceva parte del CAI) pubblicò un Annuario che ancor oggi è importantissimo per le ricerche storiche sull’alpinismo; la Sezione di Agordo, quarta a essere fondata dopo Torino, Aosta e Varallo, distribuì ai propri soci “Adunanza straordinaria” e la Sezione di Brescia editò un Bollettino che è tra le pubblicazioni più longeve. E ancora. “Alpinismo canavesano” nato come organo della Sezione di Ivrea, edito per la prima volta nel 1909, ancora oggi è recapitato ogni quadrimestre ai soci di Ivrea e più recentemente anche a quelli di Cuorgnè.

visita il sito >>

 

Filippo Zolezzi